Emergenza Covid-19, NewsGuard gratuito per aiutare a combattere la disinformazione Quifinanza.it - 08/04/2020 04:24:58
Aggiornate ora

Emergenza Covid-19, NewsGuard gratuito per aiutare a combattere la disinformazione

“I giornalisti di NewsGuard hanno analizzato migliaia di siti di notizie in Europa e negli Stati Uniti. Dopo esserci consultati con agenzie governative, Ong, e reti bibliotecarie, i cui clienti già usufruiscono gratuitamente di NewsGuard, abbiamo deciso di rimuovere il paywall dalla nostra estensione del browser per aiutare a combattere la disinformazione sul Covid-19 che sta circolando in tutto il mondo”. L’estensione del browser di NewsGuard fornisce schede informative per oltre 4.000 siti di notizie che rappresentano il 95% del traffico delle notizie online e segnala con un’icona rossa quelli che pubblicano informazioni false o inaffidabili. Tra questi siti, ce ne sono centinaia che promuovono trattamenti pericolosi e inefficaci contro alcune malattie, tra cui il Covid-19. NewsGuard sta lavorando con agenzie governative, biblioteche pubbliche, piattaforme digitali e fornitori di servizi internet, per avvisare gli utenti che il suo servizio è ora disponibile gratuitamente. “La disinformazione sul Covid-19 si sta diffondendo rapidamente in internet e può essere molto pericolosa”, ha dichiarato il co-CEO di NewsGuard Steven Brill. “Insieme ad aziende e organizzazioni stiamo lavorando per contribuire alla risoluzione di questo problema tramite una campagna di comunicazione pubblica”. Nelle ultime settimane, il team di analisti di NewsGuard ha iniziato a notare un certo numero di siti che diffondevano informazioni false sul Covid-19, tra cui articoli diventati virali sui social media. Nel suo Centro di monitoraggio della disinformazione relativa al coronavirus NewsGuard ha identificato fino ad ora 132 siti che hanno pubblicato informazioni false o fuorvianti sul virus. Queste informazioni false includono, ad esempio, affermazioni secondo cui il virus può essere combattuto con l’assunzione di candeggina o argento colloidale, entrambi potenzialmente fatali per gli esseri umani. Anche prima della pandemia di Covid-19, i dati di NewsGuard indicavano che oltre uno su 10 dei siti di notizie con cui gli utenti interagiscono ogni mese in Italia, Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania, è un sito che ha pubblicato informazioni false in materia di salute. La nostra iniziativa fino ad ora è stata sostenuta da gruppi, biblioteche, Ong, e fornitori di servizi internet in diversi Paesi, tra cui l’Ordine dei Medici (FNOMCeO) e il Safer Internet Centre in Italia; la National Association of Media Literacy Education negli Stati Uniti; il Digital Forensic Research Lab dell’Atlantic Council; l’Internet Safety for Kids and Families di Trend Micro; alcune reti bibliotecarie come la Biblioteca Richland di Columbia, nella Carolina del Sud; e diverse società di telecomunicazioni come Tiscali in Italia e BT, il principale operatore di telefonia mobile del Regno Unito. “L’Ordine dei Medici supporta il lavoro fatto da NewsGuard per aiutare gli utenti del web a navigare in modo consapevole tra le tante informazioni sul coronavirus che circolano online in questo periodo”, ha affermato Cosimo Nume, a capo della comunicazione di FNOMCeO. “BT è da tempo impegnata nella sicurezza online dei suoi clienti, fornendo consulenza e strumenti di protezione per gli utenti. Accogliamo con favore questa iniziativa e gli sforzi di NewsGuard per migliorare l’alfabetizzazione digitale e limitare la diffusione della disinformazione sul Covid-19″, ha dichiarato un portavoce di BT. “L’alfabetizzazione ai media è un’importante abilità nella vita, ancora di più in questo periodo”, ha affermato Lynette Owens, fondatrice e direttrice del programma Internet Safety for Kids and Families presso Trend Micro. “Siamo felici di sostenere NewsGuard in questo sforzo per aiutare a mantenere le famiglie di tutto il mondo ben informate durante la pandemia”. “L’attuale crisi ha messo in luce più che mai l’importanza di poter contare su fonti di informazione online affidabili”, ha dichiarato Stephen Balkam, CEO del Family Online Safety Institute, i cui membri rappresentano le principali società di telecomunicazione e internet al mondo. “Siamo lieti di vedere NewsGuard fare la sua parte per sostenere questi sforzi”. “In questa crisi sanitaria senza precedenti, accogliamo con favore l’iniziativa di servizio pubblico di NewsGuard per distribuire ampiamente il suo servizio in modo che le persone possano navigare online con consapevolezza e avere informazioni su ciò che è affidabile”, ha affermato Craig Forman, Presidente e CEO di McClatchy, che gestisce 30 redazioni locali negli Stati Uniti. NewsGuard ha iniziato a riunire questi partner solo alla fine della scorsa settimana; pertanto ci si aspetta che molti altri fornitori di servizi internet, biblioteche, Ong e agenzie governative partecipino a questo sforzo per far conoscere ai loro clienti e alle parti interessate la possibilità di scaricare NewsGuard gratuitamente. Togliendo il paywall della sua estensione del browser, NewsGuard sta anche rendendo il suo strumento anti-disinformazione gratuito per gli utenti delle biblioteche pubbliche che non possono visitare di persona le biblioteche, ora chiuse, dove prima usavano NewsGuard. Attraverso il programma di alfabetizzazione ai media sponsorizzato da Microsoft, oltre 700 biblioteche di tutto il mondo hanno fornito libero accesso a NewsGuard sui computer degli utenti, da Milano, a Londra, a Los Angeles. Ora, quelle biblioteche possono offrire l’estensione del browser gratuitamente ai loro utenti e alle loro famiglie, a casa, sui loro dispositivi personali. Il programma di alfabetizzazione ai media è utilizzato anche dalle scuole, molte delle quali sono state chiuse a causa del virus. Insegnanti e studenti possono ora accedere all’estensione del browser NewsGuard da casa. “Con il crescere della crisi legata al Covid-19, informazioni accurate e affidabili su come proteggere noi stessi e gli altri sono più importanti che mai”, ha affermato Isobel Hunter, Amministratore delegato di Libraries Connected, l’organizzazione dei responsabili dei servizi bibliotecari in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. “Quindi accogliamo con favore questa generosa offerta di NewsGuard, soprattutto ora che molte biblioteche pubbliche devono chiudere le loro porte. I nostri membri si impegnano a continuare a fornire accesso a informazioni accurate e NewsGuard è uno strumento davvero semplice e potente per aiutarli a farlo”. Un’app per dispositivi iOS e Android sarà disponibile gratuitamente tra circa tre settimane.



Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati