• SABATO 15 AGOSTO 2020 - Assunzione di Maria vergine

Ecco perché furono bloccati gli acquisti in-app di Kindle per iOS

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ispazio.net e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Ecco perché furono bloccati gli acquisti in-app di Kindle per iOS Alcune e-mail interne di Apple, rese pubbliche dall’indagine antitrust della House Judiciary Committee, hanno rivelato informazioni sul motivo per cui la società ha bloccato gli acquisti in-app di libri Kindle su dispositivi iOS. Una serie di e-mail tra Steve Jobs, Phil Schiller, Eddy Cue e vari altri dirigenti senior di Apple, rivelano l’esatto pensiero dietro l’approccio di Apple su Kindle per iOS. Steve Jobs: “Penso che sia tutto abbastanza semplice – iBooks sarà l’unica libreria su dispositivi iOS. Dobbiamo tenere la testa alta. Si possono leggere libri acquistati altrove, ma non acquistare / noleggiare / abbonarsi da iOS senza pagarci “. Inizialmente, i libri Kindle erano disponibili per l’acquisto tramite l’app iOS. Dal 2011, l’app Kindle per iOS ha consentito solo agli utenti di leggere libri nell’app. L’acquisto di nuovi titoli può essere effettuato solo in Safari, non nell’app stessa. Ciò consente ad Amazon di evitare di pagare ad Apple la commissione del 30%. Phil Schiller ha espresso preoccupazione in una delle e-mail, affermando che Amazon pubblicizzava il fatto che gli utenti potevano ancora accedere ai libri Kindle acquistati su iOS su dispositivi Android, suggerendo che era conveniente passare da iOS ad Android. Schiller ha spiegato che Apple inizialmente ha fatto un’eccezione per Amazon, perché “gli utenti avrebbero acquistato libri su un dispositivo Kindle e successivamente avrebbero avuto la possibilità di accedervi su iPhone“. Nel corso del tempo, poiché le vendite dei dispositivi iOS sono aumentate notevolmente, Schiller ha ritenuto che fosse tempo di riconsiderare l’eccezione. Queste discussioni hanno avuto luogo mentre Apple stava pianificando di annunciare le nuove politiche dell’App Store per gli abbonamenti. Jobs, nella sua risposta suggerì che Amazon “deve usare il nostro sistema di pagamento per tutto” e giustificarlo con le nuove politiche di abbonamento. “Se vogliono confrontarci con Android, costringiamoli a utilizzare il nostro sistema di pagamento di gran lunga superiore“, ha scritto Jobs. Amazon ha successivamente rimosso un collegamento al Kindle Store nell’app per iOS per conformarsi alle nuove regole di abbonamento all’App Store. Da quel momento in poi, la funzione storefront dell’app Kindle è stata completamente rimossa, senza indicazioni esplicite su dove acquistare i libri. Ulteriori e-mail, pubblicate dal sottocomitato antitrust statunitense, hanno rivelato che Apple ha offerto ad Amazon tariffe ?App Store? più basse per convincerlo a lanciare la sua app Prime Video su ??App Store?? e Apple TV. La notizia che Apple ha fatto eccezioni per Prime Video ha creato confusione tra alcuni osservatori, poiché Apple ha costantemente affermato che tratta ogni sviluppatore allo stesso modo. Phil Schiller,? ha dichiarato prima dell’indagine antitrust di questa settimana che tutte le app nell’?App Store? sono state trattate “allo stesso modo – un insieme di regole per tutti, nessun accordo speciale, nessun termine speciale, nessun codice speciale, tutto si applica a tutti gli sviluppatori allo stesso modo “.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it