• MARTEDÌ 21 SETTEMBRE 2021 - S. Matteo apostolo

Perché Windows 11 chiede di attivare Secure Boot

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilsoftware.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Secure Boot è una funzionalità che fa parte dei BIOS UEFI e che permette di bloccare tutti i componenti caricati all'avvio del sistema che non sono approvati perché sprovvisti di una chiave crittografica autorizzata e memorizzata a livello di firmware.

Lo scopo principalmente quello di impedire ai malware (ad esempio ai rootkit) di modificare la procedura di avvio del sistema ed eseguirsi automaticamente prima del caricamento di Windows costituendo un grave rischio per la riservatezza e l'integrità dei dati.

Le distribuzioni Linux più recenti si avviano e si installano senza problemi sulla maggior parte dei PC con Secure Boot attivato. Questo perché il primo stadio del boot loader EFI (Extensible Firmware Interface) della distribuzione Linux è firmato da Microsoft.
Come sottolinea però anche l'autore della nota utilità Rufus le applicazioni distribuite sotto licenza GNU GPLv3 sono al momento escluse e non possono essere firmate rendendole compatibili con Secure Boot.

Si può pensare a UEFI come a un'interfaccia software che si trova tra il sistema operativo, il firmware e l'hardware.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it