• VENERDÌ 23 APRILE 2021 - S. Adalberto vescovo

MIT, l'approccio usato da Apple può rendere i malware impossibili da riconoscere

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilsoftware.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


In un articolo pubblicato su MIT Technology Review viene preso in esame il famoso walled garden ovvero l'approccio alla sicurezza utilizzato da Apple sul suo intero ecosistema.

Cos'è un walled garden

L'espressione walled garden viene utilizzata nell'informatica, nel mondo delle tecnologie dell'informazione e nell'IT in generale per riferirsi a quelle piattaforme costruite per obbligare sviluppatori, applicazioni, servizi e utenti a restare sempre all'interno di un perimetro recintato all'interno del quale vengono messi a disposizione tutti gli strumenti per sostenere l'intero ecosistema.
Al di là del muro c'è un ambiente potenzialmente pericoloso mentre nel recinto tutto funziona bene, non ci sono rischi e le varie figure possono muoversi in libertà.

Un walled garden aiuta moltissimo dal punto di vista della sicurezza perché, ad esempio, nel caso di Apple è l'azienda di Cupertino a stabilire che cosa ammettere all'interno del perimetro lasciando tutti 'i cattivi' oltre il muro.

Attenzione ai malware che possono comunque entrare all'interno del walled garden divenendo così impossibili da riconoscere

Come spiegano gli esperti di Citizen Lab l'1% dei criminali informatici è comunque capace di trovare una via per fare breccia nel walled garden di Apple.



Sannioportale.it