• MARTEDÌ 25 GENNAIO 2022 - Conv. di S. Paolo apost.

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilsoftware.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Identità digitale SPID: si apre a OpenID Connect. Cos'è.

L'identità digitale SPID ha reso più semplice autenticarsi sui servizi online della Pubblica Amministrazione grazie a un meccanismo sicuro, unificato e federato. Soggetti terzi sotto il diretto controllo dello Stato sono autorizzati a emettere le identità digitali SPID su richiesta dei cittadini.

Come spieghiamo nell'articolo in cui descriviamo come funziona SPID i vantaggi sono molteplici perché anziché dover memorizzare tante credenziali è possibile accedere a qualunque sito web della Pubblica Amministrazione senza dover effettuare alcuna registrazione.

Il regolamento europeo eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) obbliga i singoli stati membri a prevedere sistemi di autenticazione come SPID. SPID è sarà sempre più compatibile e interoperabile con gli altri sistemi analoghi usati in Europa.

E non è vero che SPID è diventato a pagamento: esistono molteplici modi per ottenere SPID gratis senza muoversi da casa o dall'ufficio con il riconoscimento da remoto.

Cosa significa che SPID si apre a OpenID Connect

AgID (Agenzia per l'Italia digitale) ha confermato che OpenID Connect sta per entrare a far parte di SPID.

In passato avevamo detto che con SPID (soluzione utilizzata dalla Pubblica Amministrazione ma implementabile anche da parte dei privati) la soluzione tecnica adottata ricorda quella scelta con il protocollo OAuth, almeno nella sequenza dei passaggi che devono essere seguiti dagli utenti.
In un altro articolo abbiamo visto come autenticarsi con account Google, Microsoft, Facebook e altri usando OAuth: rispetto a SPID le differenze sono comunque importanti.
Testi ed immagini Copyright Ilsoftware.it



Sannioportale.it