• GIOVEDÌ 2 LUGLIO 2020 - S. Ottone vescovo

Banda ultralarga: Infratel chiede a Open Fiber penali per 1,9 milioni di euro

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilsoftware.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Open Fiber, società controllata al 50% da Enel e Cassa Depositi e Prestiti, è l'aggiudicataria - com'è noto - dei tre bandi ministeriali per la realizzazione della rete in fibra ottica a banda ultralarga nelle aree bianche del Paese, zone nelle quali in passato altri operatori non hanno mai fatto investimenti.
La commessa gestita per conto del Ministero da Infratel Italia vale 2,5 miliardi di euro e, come evidenziato nella recente relazione (maggio 2020) relativa al piano strategico Banda Ultralarga, su 2914 cantieri per la fornitura del servizio in fibra ottica FTTH e 1026 in FWA (accesso in modalità wireless) complessivamente aperti in tutta Italia da Open Fiber, ad oggi ne sono stati ultimati rispettivamente 875 e 889. I servizi di Open Fiber sono oggi disponibili a livello commerciale in 248 comuni.

Così Infratel ha deciso di richiedere a Open Fiber una penale da 1,9 milioni di euro in forza dei ritardi accumulati.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it