• MERCOLEDÌ 17 AGOSTO 2022 - S. Chiara da Montefalco

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Hdblog.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



CPU e GAMING: quanto contano oggi numero di core e frequenza nei giochi?

Quando parliamo di PC gaming, a qualsiasi livello, i fattori che possono determinare in modo importante la qualità dell'esperienza utente sono diversi, anche se non tutti incidono in egual misura. Di primo acchito anche l'utente meno esperto potrebbe concludere che la GPU è uno degli elementi più importanti in un sistema gaming, se non il principale; un'affermazione vera solo in parte se guardiamo all'evoluzione delle stesse GPU ad oggi, nonché a quella dei giochi di ultima generazione, nettamente più esigenti in termini di risorse di sistema rispetto a qualche anno fa. Nel 2022 siamo giunti a un livello per cui ottimizzare l'esperienza utente in game significa bilanciare tutti gli altri aspetti hardware/software di sistema per supportare al meglio l'elevata potenza di calcolo delle schede grafiche; c'è bisogno di una CPU veloce con un corposo sottosistema cache ma al tempo stesso con buone capacità multi-thread, un SSD reattivo, un monitor ad elevato refresh se guardiamo ai titoli competitivi ad esempio. Ci sono infine da bilanciare le periferiche di input e lo stesso display per cercare di ridurre al minimo le latenze (vedi NVIDIA Reflex ad esempio). In questo articolo andremo ad approfondire con benchmark dedicati uno degli aspetti sopraccitati, nel dettaglio l'impatto della CPU sulle prestazioni grafiche quando utilizziamo un sistema con 4, 6 o 8 core a varie frequenze di clock.


Un Computer dentro uno Smartphone? Motorola Moto G100, compralo al miglior prezzo da eBay a 300 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE


Testi ed immagini Copyright Hdblog.it



Sannioportale.it