• MARTEDÌ 28 GIUGNO 2022 - S. Marcella martire

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Hdblog.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Cambridge Analytica: ancora grane per Mark Zuckerberg

Ricordate lo scandalo Cambridge Analytica? Ecco, dopo anni di relativo silenzio, una delle più grandi operazioni di fuga di dati della storia torna agli onori della cronaca. Karl Racine, procuratore generale del Distretto di Columbia (Stati Uniti), ha infatti deciso di fare causa a Mark Zuckerberg per il suo coinvolgimento nei fatti accaduti nel 2018. La tesi del procuratore è che il fondatore di Facebook sia direttamente coinvolto in tutte le azioni e decisioni dell’azienda e che quindi debba risponderne in prima persona. Ma cosa successe davvero?

TUTTO PER FAVORIRE TRUMP

Nel 2015 il professore di Cambridge Aleksandr Kogan raccolse informazioni e dati di 270.000 utenti Facebook (e dei rispettivi amici) senza il loro consenso e li passò alla società Cambridge Analytica che, in quel momento, lavorava sulla campagna elettorale di Donald Trump. Questi fatti emersero pubblicamente nel 2018, con le ammissioni dello stesso Zuckerberg sulla fuga di informazioni.
Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, compralo al miglior prezzo da Amazon a 692 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE


Testi ed immagini Copyright Hdblog.it



Sannioportale.it