• GIOVEDÌ 17 GIUGNO 2021 - S. Ranieri confessore

Apple teneva davvero tanto agli abbonamenti in-app di Netflix

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Hdblog.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Apple ci teneva davvero tanto a far sì che Netflix non smettesse di passare dall'App Store per i rinnovi dei suoi abbonamenti: i dipendenti della società che si occupavano della questione avevano addirittura ipotizzato di fornire al colosso dello streaming un trattamento speciale - non tanto riducendo le commissioni, ma pubblicizzandola nei suoi negozi fisici (meglio noti come Apple Store, ovviamente), usando parte dei proventi delle commissioni pagando per annunci pubblicitari sui motori di ricerca e addirittura inserendola in bundle con altri servizi Apple. È una delle tante informazioni emerse dalla pubblicazione delle prove nel procedimento giudiziario che vede coinvolte Apple ed Epic Games per la questione del Ban di Fortnite. Si scopre anche che, inizialmente, Netflix aveva pensato di rimuovere i rinnovi in-app dal client iOS per via di un "voluntary churn" piuttosto elevato: in poche parole, il tasso di utenti che cancellavano il loro abbonamento era più alto tra quelli che si abbonavano attraverso l'app rispetto ad altri canali, per esempio il sito Web ufficiale della piattaforma. Le cifre precise non sono state tuttavia svelate. È chiaro che le commissioni del 30% pretese da Apple hanno avuto un ruolo altrettanto importante, se non di più.Nel 2018, Apple aveva creato una breve presentazione per convincere Netflix a mantenere gli acquisti in-app, elencando le varie modalità con cui avrebbe potuto fornire valore aggiunto per la società. L'elenco include la preinstallazione dell'app su Apple TV, posizioni di rilievo su iOS e Apple TV, campagne marketing co-finanziate, partnership con operatori per i pagamenti, installazione dell'app sui dispositivi dimostrativi presenti negli Apple Store e molto altro ancora. È importante precisare che questa presentazione non era stata ancora approvata dalla dirigenza; alcune di queste idee non sono mai state offerte ad altri sviluppatori, ma non è dato sapere se siano state effettivamente sottoposte a Netflix.


Lo smartphone 5G per tutti? Motorola Moto G 5G Plus, compralo al miglior prezzo da ePrice a 199 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



Macrolibrarsi
Sannioportale.it