• SABATO 19 SETTEMBRE 2020 - S. Gennaro vescovo

Karate, medaglie e ottime prove del Dojo 7 Lame in Belgio per gli Europei Wukf

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ntr24.tv e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Il Dojo 7 Lame, dal 4 al 7 giugno, è stato impegnato a Liege - Herstal in Belgio con i suoi agonisti ai Campionati Europei Wukf 2015 di Karate per le categorie Children, Cadets & Junior.

Per potersi qualificare a questo evento internazionale gli atleti 7 Lame hanno dovuto superare ben due selezioni nazionali (Pontedera e Montecatini Terme) per poter entrare a far parte anche quest'anno della rappresentativa azzurra C.K.I. (Confederazione Karate Do Italia).

Ben ventiquattro le nazioni presenti, rappresentate da 40 federazioni nazionali, per oltre 1300 partecipanti. Gli atleti 7 Lame che hanno rappresentato l'Italia in Europa sono stati: Alessandro Zaccarino, Fabio Rotolo, Ivan Valente, Francesco Pio Borrillo, Pierangelo Polvere, Michele Ricci (di S.Marco dei Cavoti), Piergiuseppe Vanvitelli (di Circello), Margherita Corbo (di Reino), Pietro Cirocco (di Molinara).

Tutti gli agonisti, oltre che dai rispettivi familiari, sono stati accompagnati dal loro maestro Luca Tremonte incaricato dalla CKI nella persona del Presidente Robi Morreale (Vice presidente mondiale Wukf) di seguire ufficialmente gli atleti della rappresentativa azzurra in trasferta in Belgio.

Dopo le fasi di controllo e registrazione il giovedì pomeriggio è stato subito il turno delle squadre Cadetti con gli atleti Pierangelo Polvere, Michele Ricci e Piergiuseppe Vanvitelli impegnati sia nelle specialità Sanbon che Rotation a squadre senza distinzioni di peso e cintura.

Cominciando proprio da quest'ultima gli atleti 7 Lame hanno superato la prima fase senza alcun problema per poi trovarsi la squadra della Repubblica Ceca. Non si sono fatti intimorire dall'altezza degli avversari e hanno combattuto molto bene cambiandosi prontamente al “Change” del loro coach. A 6 punti a 3 a favore della nostra squadra, gli arbitri assegnano l'ultima ammonizione (molto discutibile) per mancato controllo a Vanvitelli che decreta la squalifica a trenta secondi dalla fine con la vittoria della squadra avversaria. Peccato davvero.

Nella specialità Sanbon, la squadra avversaria incontrata è stata proprio quella di casa, il Belgio. Nel primo incontro Vanvitelli vince nettamente sull'avversario belga portando la squadra subito in vantaggio per una vittoria a zero.

Ricci si comporta egregiamente sul tatami di gara scambiandosi punto su punto con l'avversario. Dopo un attacco chiaramente andato a segno di Ricci e segnato dagli altri arbitri, il centrale assegna inspiegabilmente il punto all'atleta belga che vince così l'incontro per un punto.

Polvere, unica cintura gialla contro le nere e alla sua prima esperienza internazionale, non riesce a gestire la tensione e il peso emotivo che ne deriva dalla sua responsabilità di avere la sorte della squadra in mano, e perde contro un atleta che era ampiamente alla sua portata. Peccato perchè anche qui la sfortuna ha giocato contro.

Alla fine degli incontri c'è stata l'emozionante cerimonia d'apertura ufficiale dell'evento con la spettacolare sfilata di tutte le nazioni d'Europa.

Il venerdì è stato il turno di tutte le categorie Children e quindi anche di tutti i bambini 7 Lame.

Alessandro Zaccarino (cat. Children A) si è scontrato senza alcun timore con un forte atleta della Bielorussia contro il quale ha tirato bene, autore di un incontro molto equilibrato ma che però non è riuscito a superare. Grandi potenzialità per questo piccolo karateka.

Margherita Corbo (cat. Children B femminile) ha avuto a che fare con una karateka polacca decisamente più alta. Corbo però non si è fatta condizionare e si è battuta con una notevole grinta che le ha consentito di andare subito in vantaggio con un ottimo calcio al viso d'incontro. Dopo invece di amministrare è andata subito ad attaccare subendo dei punti. Un altro calcio al viso portato a segno da Margherita ma non visto dagli arbirei ha decretato poi la vittoria della Polonia per un solo punto. Un'ottima prova per un'atleta sempre più convinta delle proprie capacità e in ascesa tecnica.

Francesco Pio Borrillo (cat. Children B maschile) ha avuto sorte simile a quella della sua compagna di palestra. Partito molto determinato ha piazzato subito un ottimo calcio al viso d'incontro sull'avversario belga prendendo in mano l'incontro. Dopodichè ha perso un po' di lucidità cercando ancora di attaccare regalando invece i punti all'avversario. Riesce a fare un altro punto avvicinandosi alla vittoria contro il Belgio ma poi l'arbitro centrale assegna una tecnica all'avversario visibilmente fuori distanza che fa perdere a Pio l'opportunità di andare oltre per un solo punto. Francesco è un altro atleta che ben presto riuscirà a dire la sua ed ottenere maggiore costanza di posizionamenti nelle competizioni future.

Ivan Valente (cat. Children B maschile), partito un po' teso e intimorito da questo esordio internazionale ha poi iniziato a prendere il giusto ritmo ed entrare a segno contro una grintosa Repubblica Ceca. Ivan è un atleta con ottime capacità combattive e alla fine solo la mancanza di convinzione non gli ha consentito di prevalere lasciando il punteggio del tabellone 3 a 2 a favore dell'avversario ceco. Le sconfitte talvolta nonostante siano poco piacevoli insegnano più delle vittorie.

Fabio Rotolo (cat. Children B maschile), partito molto carico e in forma, ha vinto il primo incontro sulla Polonia prima dello scadere del tempo 4 punti a 0. Nella fase successiva si è dovuto scontrare con un forte atleta tedesco con il quale ha però vinto 4 a 3.

Al terzo incontro ha trovato un suo connazionale contro il quale Rotolo ha vinto nuovamente per 4 punti a 0.

All'ultima fase valida per l'accesso alla finale Fabio ha incontrato sul suo cammino un altro atleta della Polonia. Nonostante fosse ampiamente alla sua portata qui Fabio appare subito meno lucido facendosi condizionare dalla cosiddetta “paura di vincere”. Alla fine Rotolo perde in questa fase per 4 a 2 ma ottiene comunque il meraviglioso risultato al suo esordio del bronzo Europeo.

Alla fine delle categorie Children è stato il turno delle squadre Junior.

La squadra Junior italiana composta da Pietro Cirocco, Edoardo Piancatelli e Dario Barberini ha gareggiato sia nella specialità Sanbon che Rotation con grandissima determinazione. Nella Rotation questa loro voglia di vincere gli ha permesso già di agguantare un meraviglioso bronzo perdendo solo contro una squadra rumena davvero molto agguerrita.

Nella Sanbon la nostra squadra si dimostra ancora più combattiva di prima contro l'Inghilterra. Barberini vince il primo incontro, Piancatelli perde il secondo e Cirocco vince il terzo con un fantastico 6 a 0. La squadra passa il turno e si scontra con la Polonia. Qui Barberini vince nettamente sull'avversario Inglese, Piancatelli lo stesso mentre Cirocco perde ma la squadra con 2 vittorie a 1 a favore si aggiudica l'accesso alla finale. Una giornata piena di emozioni che questi tre ragazzi ci hanno regalandoci la gioia di avere la nostra squadra italiana in finale contro la Romania prevista per la Domenica.

Sabato è il turno dei combattimenti individuali per le categorie Cadetti con gli atleti Ricci, Vanvitelli, Polvere e Junior con Cirocco.

Quest'ultimo dopo un anno sportivo molto redditizio nella cat. + 75 kg dopo aver superato la prima fase di gara senza problemi non riesce poi a tirar fuori il meglio di cui è stato capace finora e quindi non riesce a prevalere su un avversario italiano molto aggressivo ma decisamente alla sua portata. L'emozione di un europeo gioca brutti scherzi e un'esperienza simile ti trasforma positivamente. 5° posto per Pierangelo Polvere.

Michele Ricci (cat. cinture nere - 65kg) appare in ottima forma osì come ha dimostrato anche nelle specialità a squadre mettendo in luce netti miglioramenti tecnici e tattici. Ricci contro un atleta belga molto combattivo dimostra lucidità mentale giocandosi la vittoria fino all'ultimo secondo e finendo l'incontro 4 a 3 a favore dell'avversario. Un'ottima prova per Michele Ricci.

Piergiuseppe Vanvitelli (cat. cinture nere - 60kg) supera la prima fase di gara senza il minimo problema.

Nella fase eliminatoria successiva dimostrando netta superiorità tecnica ha vinto 7 a 2 su un suo connazionale.

Inizia a farsi interessante perchè l'incontro successivo è quello valevo per entrare in semifinale.

Vanvitelli qui è subito in vantaggio contro una forte Romania e gestisce per ben 3 punti a 0. Poi uno scambio in cui l'atleta di casa nostra entra nettamente a segno con un calcio al viso dell'avversario mentre l'arbitro assegna il punto all'atleta avversari. Con ancora la vittoria in mano con 3 punti a 1 a suo vantaggio, Piergiuseppe inspiegabilmente perde concentrazione per quei due punti non assegnati e comincia a subire dall'avversario rumeno contro il quale alla fine riesce a perdere per 6 a 4.

Peccato davvero di questo suo calo di concentrazione se consideriamo che stava vincendo di netto su colui che poi ha vinto l'intera categoria. 5° posto per Piergiuseppe Vanvitelli. L'intera categoria è stata arbitrata in maniera impeccabile.

Nella categoria Junior – 60 kg Pietro Cirocco (cintura verde) ha continuato a battersi come una cintura avanzando perdendo purtroppo soltanto l'accesso alla finale per 6 punti a 4 contro un forte atleta polacco al quale ha dato comunque molto filo da torcere. Splendido bronzo europeo per Pietro Cirocco.

La domenica ha visto la sfilata di tutti i finalisti e tra questi la gioia di vedere molti italiani. La squadra italiana composta da Barberini, Cirocco e Piancatelli in finale si scontra contro la squadra rumena contro la quale non riesce ad avere la meglio perchè i rumeni si dimostrano più concreti sul tatami.

Un meraviglioso argento a squadre Junior chiude questa fantastica trasferta.

I risultati finali della 7 Lame sono stati i seguenti: Fabio Rotolo, 3° posto - medaglia di bronzo individuale categoria Bambini; Pierangelo Polvere, 5° posto individuale cat. Cadetti + 75kg; Piergiuseppe Vanvitelli, 5° posto individuale cat. Cadetti – 60kg; Pietro Cirocco, 3° posto - medaglia di bronzo individuale categoria JUNIOR; 3° posto - medaglia di bronzo Squadra Rotation categoria JUNIOR; 2° posto – Vice Campione Europeo a Squadre categoria JUNIOR.

Un bottino per la 7 Lame che sicuramente con qualche svista arbitrale in meno e un po' di convinzione in più da parte dei suoi atleti sarebbe potuto essere più pieno ma comunque con la consapevolezza e la crescita senza eguali che ogni atleta si porterà dentro di sé dopo questa esperienza meravigliosa.

La CKI conquista il secondo posto assoluto nel medagliere con n. 11 ori, n. 10 argenti e n. 25 bronzi, un risultato che premia gli sforzi profusi dalla dirigenza confederale, che in pochi anni è riuscita a creare una delle principali organizzazioni di karate in Italia.

Il M° Tremonte ringrazia prima di tutto i suoi atleti per come si sono distinti sul tatami di gara, i genitori per il loro supporto incondizionato, il Presidente Morreale e il M° Trolese per la fiducia riposta con il ruolo ufficiale di Coach assegnatogli, ai maestri Montenero e Latorre per il lavoro fatto insieme con tutti i ragazzi azzurri e un ultimo grazie proprio a quest'ultimi per aver ascoltato i suggerimenti da bordo tatami dando piena fiducia e rispetto nella sua persona.

Gli atleti 7 Lame si sono qualificati per i prossimi Mondiali Wukf che si terranno a giugno 2016 a Dublino, in Irlanda.



Sannioportale.it