• VENERDÌ 3 LUGLIO 2020 - S. Tommaso apostolo

VIDEO – Il presidente D’Agostino: “Avellino ai play-off perché ci crediamo. Settore giovanile quasi pronto. La recompra non mi preoccupa tantissimo”

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Lanostravoce.info e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Parole dolcissime quelle del presidente D’Agostino, che affronta diversi temi in video conferenza: dalla recompra allo stadio di proprietà, partendo dai play-off e concludendo con la programmazione della prossima stagione. Ecco le sue parole e il video integrale della conferenza.

PAROLA AL PRESIDENTE

  • La sua volontà di giocare i play-off: per mantenere il blasone o è convinto che si possa far bene?
    • “É una decisione presa da tempo. Non partecipiamo tanto per: ci andiamo convinti e ci crediamo. Sono partite secche e credo che potremo giocarcela bene. Se la squadra è arrivata ai play-off, vuol dire che c’è la squadra per farli. Farli e vincerli: questo è l’auspicio”.
  • Il sacrificio di oggi inciderà sulla prossima stagione?
    • “Non inciderà sulla prossima stagione. Innanzitutto si dovrà vedere come si concluderà la stagione in corso, ma di sicuro non si intaccherà il piano per la prossima stagione”.
  • I tifosi hanno fame di grande calcio. La proprietà è orientata verso qualcosa del genere?
    • “É normale che la società sia orientata verso il salto di categoria. Vogliamo fare calcio, ci sono obiettivi ben precisi e speriamo di raggiungerli il prima possibile”.
  • Sul budget e sull’obiettivo della prossima stagione. 
    • “Ci stiamo lavorando e lo modifichiamo man mano, visto che si sta lavorando molto anche sul settore giovanile. Si dovrà vedere anche come si evolverà il mercato. Al di là di budget o cifre impegnate, l’obiettivo è sempre di fare il massimo”.
  • A che punto siamo col settore giovanile?
    • “Abbiamo quasi tutto pronto, compreso l’organigramma. A giorni, con una conferenza, renderemo pubblica tutta la struttura del settore giovanile”.
  • Per i mesi di inattività, come si comporterà la società con i suoi tesserati?
    • “Aspettiamo ancora le direttive della Federazione e poi noi faremo le nostre scelte, cercando di adeguarci alla maggioranza”.
  • Offerte per Parisi? Charpentier e Di Paolantonio?
    • “Parisi è un nostro giocatore e resterà con noi. Dispiacerebbe perderlo. Per il resto si vedrà chi confermare e chi no”.
  • La coppia Capuano-Di Somma ci sarà anche dopo i play-off?
    • “Ho parlato con entrambi. Sono persone che ritengo di qualità oltre che di spessore morale. Non ho difficoltà a continuare con loro. Vedremo come prepararci: al momento, non ho motivo di fare scelte diverse”.
  • Ci sono nuove partnership? Si può immaginare un Avellino sullo stile Lecce, con un imprenditore e supporto locale?
    • “É il momento più sbagliato per chiedere sponsorizzazioni. Abbiamo contatti e appena si rientra in regime, si vedrà se ci sono le condizioni per andare avanti. Il modello Lecce potrebbe essere una soluzione, ma per il territorio che c’è qui, la vedo difficile. É una di quelle cose che vengono pian piano. Le sponsorizzazioni si fanno con ricavi e ammortizzazioni: se non ci sono, è difficile ci siano”.
  • Non pensa che senza i tifosi manchi il sale della competizione?
    • “Valido per tutti. É uno strano calcio. Per la nostra piazza, i tifosi fanno molto. Dobbiamo attendere, nella speranza che nel prossimo futuro si possa ricominciare a giocare a porte aperte, nella prossima stagione. Fare uno spettacolo senza spettatori è un pò diverso, non è bello”.
  • Si aspettava di trovare una piazza così esigente?
    • “La piazza la conosciamo. É peggiorata sotto il punto di vista della non esattezza delle cose che vengono dette. Abbiamo sempre seguito l’Avellino, lo sport in generale, ma il modo di fare è stato un pò diverso, con cose dette ma non vere. Mi piacerebbe che le cose fossero trattate in maniera diversa, ma non ci interessa: noi faremo il nostro percorso. Il problema è quello che si fa realmente non quello che si immagina: noi sappiamo cosa fare e lo porteremo avanti nell’interesse dei tifosi, della città e della maglia”.
  • La società ha previsto qualche iniziativa per gli abbonati di quest’anno?
    • “Non abbiamo ancore pensato a nulla, ma a breve penso faremo qualcosa. I play-off sono il primo pensiero per il momento e poi penseremo alla prossima stagione, con tutto quello che sarà”.
  • Il ritorno in campo: come l’Avellino si sta preparando. 
    • “Faremo capo al protocollo della Serie A perché non abbiamo altri riferimenti. Tamponi a tutti, percorsi prestabiliti, trovare alberghi per tenere tutti separati, etc. Speriamo in qualcosa che ci agevoli, ma noi faremo il possibile: la cosa più importante è la salute di tutti ma noi stiamo lavorando in merito. Mi auguro che la settimana prossima siamo già operativi anche con gli allenamenti”.
  • La proprietà immagina migliorie allo stadio o uno stadio di proprietà?
    • “Una società che si pone degli obiettivi deve pensare anche allo stadio, specie se si punta a categorie superiori. Dovremo migliorare alcune cose, ma stiamo pensando ad uno stadio di proprietà”.
  • Teme la recompra?
    • “É stata messa questa clausola. Non so cosa possa arrivare da questo; un minimo di preoccupazione c’è, il rischio c’è: non lo possiamo togliere, è un qualcosa posto dalla vecchia società. Se ci sarà una soluzione si vedrà. Sinceramente non mi preoccupa più di tanto”.
  • Ai tifosi.
    • Ho avuto modo di apprezzare i tifosi in questo periodo di fermo. Presto ritorneremo insieme: un pò di pazienza ancora. L’importante è che loro tornino allo stadio perché insieme possiamo fare tanto per il nostro Avellino”.
L'articolo VIDEO – Il presidente D’Agostino: “Avellino ai play-off perché ci crediamo. Settore giovanile quasi pronto. La recompra non mi preoccupa tantissimo” sembra essere il primo su LaNostraVoce - Giornale on line di Alfonso Lucio Festa.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it