• GIOVEDÌ 15 APRILE 2021 - S. Anastasia martire

Le cose da non dire mai sulle app di incontri per il perfetto match

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Skuola.net e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Consigli università: le cose da non dire per rimorchiare sulle app di incontri
Da Badoo a Meetic, passando per Tinder e Grinder. Sono davvero tante le app che si possono utilizzare per conoscere ed eventualmente incontrare la propria anima gemella. Se alcuni utenti sono dell’idea che siano ormai inutili dopo qualche “visualizzato ma non risposto”, altri credono che tutto risiede nell’approccio. Vediamo insieme le cose da non dire se vuoi rimorchiare utilizzando le app in incontri.

Guarda anche

  • Tradimenti, distanza e sexting: 10 cose che forse non sai sull'amore della GenZ al tempo del Covid
  • Educazione sessuale, bisogna parlarne di più: lo dice anche Mara Maionchi
  • Giovani e sessualità, tra rapporti non protetti e pornografia online 1 su 2 è 'a rischio'. Ma l'“effetto scuola” può invertire la rotta

App di incontri: cosa non dire e fare se vuoi rimorchiare

Per molti studenti universitari rimorchiare è una vera e propria arte e anche se non si tratta di una disciplina, richiede ugualmente un periodo di pratica! Cosa si fa se si ha un momentaneo colpo di fulmine vedendo la foto di profilo ma non si conoscono le tecniche di approccio? Ecco le cinque cose da non dire e fare se vuoi rimorchiare sulle app di incontri. Cosa aspetti? Vediamole insieme!

Evita le abbreviazioni

Iniziamo da questa importante premessa: se hai intenzione di rimorchiare già con il primo messaggio, evita le parole abbreviate! Non iniziare la conversazione con un “Cm stai?” ma anzi usa le regole grammaticali che hai imparato scuola! Non riusciresti a fare colpo e dall’altra parte dello schermo potresti sembrare uno/a boomer. Evita altresì le frasi sgrammaticate, le parole in maiuscolo e l’uso smisurato di punteggiatura: questo tra giovani non si fa!

Evita le domande da interrogatorio

Quanti anni hai?”, “Di dove sei?”, “Cosa studi?”, “Lavori?”. È un’app di incontri o un interrogatorio? Per non sembrare assai invadente evita di porre durante la prima conversazioni troppe domande sull’identità della persona in chat. Attieniti alla sua biografia o ai social che eventualmente avrà allegato. Se non hai abbastanza informazioni, conoscerai sicuramente di più la persona dall’altra parte nel corso della conversazione!

Non inviare foto non richieste

Fondamentale: anche se non provi molto interesse per la persona in questione ma vorresti comunque capire se scatta la scintilla una volta visti dal vivo, evita comunque di inviare foto non richieste. Potresti fare davvero una brutta figura!

Come riconoscere la friendzone? Ecco le frasi di cui avere paura

Chiedere subito un appuntamento

Anche se l’app ti dice che la persona dall’altra parte dello schermo si trova a pochi passi da te, evita di chiedere un appuntamento già dopo la prima chat! È sì un’app di incontri ma è pur sempre importante conoscere prima un po’ la persona e valutare l’eventuale possibilità di concedergli/le un incontro. Ricorda: se non si hanno molto informazioni dopo molte chat o non riscontri sui social l’identità di tale persona potrebbe essere un profilo fake!

Non fare finta di essere in un film sentimentale

Come già spiegato, sei su un’app di incontri! Anche se credi di aver avuto un colpo di fulmine, ti consigliamo di procedere con cautela! Dall’altra parte potrebbe non esserci il tuo stesso interessamento e questo potrebbe sfociare in un vero e proprio amore non corrisposto! Evita dunque di fare finta di essere in un film sentimentale e di esserti innamorato/a follemente: il resto viene da sé!



Sannioportale.it