• MERCOLEDÌ 5 OTTOBRE 2022 - S. Flaviana martire

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Skuola.net a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Le 5 canzoni che devi assolutamente conoscere di Ariete

Arianna Del Ghiaccio è una giovane cantautrice e compositrice italiana che sta riscuotendo un enorme successo tra le fila della Gen Z. Originaria di Anzio, cittadina del litorale laziale, la 20enne è conosciuta con lo pseudonimo di Ariete.
cinque brani di arieteFonte foto: via RollingStones Italia Nonostante la giovane età, la cantante vanta un curriculum di tutto rispetto, dove spicca la partecipazione al talent X-Factor (quando aveva solo 17 anni). Il suo primo album, dal titolo “Specchio”, è stato pubblicato proprio quest'anno e ha traghettato Ariete verso le luci della ribalta. Un album in cui l'artista dice di ritrovare se stessa e che allo stesso tempo ne segna il passaggio dall'adolescenza all'età adulta. E se ancora non la conoscete, cosa state aspettando? Ecco i cinque brani più significativi dell'album “Specchio”.


    Leggi anche:
  • Perché i figli di Chiara Ferragni e Fedez si chiamano Leone e Vittoria

  • Guardare la Tv in streaming costerà 654 euro l'anno: quasi il doppio rispetto al 2020

Tutto (con te)

L’effetto che mi fai
troppo grande per l’età che ho
forse è più grande del mare
e non so mai
se parlarti o restare in disparte
resto in silenzio costante
Non so mai comportarmi
alle feste degli altri
entro solo per bere
e guardarli appassire
nei tuoi sguardi eleganti
non riesco a notarmi
non mi passa il tempo per dirti che
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto voglio farlo con te
inseguire la luna, siamo senza meta
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto sempre e solo con te
notti insonni, insegui i giorni,
insegui gli attimi
Tutto, tutto, tutto, tutto,
tutto voglio farlo con te
voglio farlo con te, voglio farlo con te
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto voglio farlo con te
voglio farlo con te, voglio farlo con te.
Se ti stringo troppo forte
lanci sempre quelle occhiate
e questa casa è troppo grande
la piscina sembra il mare
mezzanotte e tu dormi sul prato
un bambino, mi serve un po’ d’aria
mi servi vicino
Non so mai comportarmi
alle feste degli altri
entro solo per bere
e guardarli appassire
nei tuoi sguardi eleganti
non riesco a notarmi
non mi passa il tempo per dirti che
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto voglio farlo con te
inseguire la luna, siamo senza meta
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto sempre e solo con te
notti insonni, insegui i giorni,
insegui gli attimi
Tutto, tutto, tutto, tutto,
tutto voglio farlo con te
voglio farlo con te, voglio farlo con te
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto voglio farlo con te
voglio farlo con te, voglio farlo con te.
Correre ma a piedi nudi
non m’importa della strada
mi guardi con gli occhi
di chi ha voglia di restare sveglio
per questa notte, per questa notte
corriamo sopra la città
per questa notte
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto voglio farlo con te
inseguire la luna, siamo senza meta
Tutto, tutto, tutto,
tutto, tutto sempre e solo con te
notti insonni, insegui i giorni,
insegui gli attimi
Tutto, tutto, tutto, tutto,
tutto voglio farlo con te
voglio farlo con te, voglio farlo con te
Tutto, tutto, tutto, tutto,
tutto voglio farlo con te
voglio farlo con te, voglio farlo con te


Castelli di Lenzuola

Come neve che ad Aprile cade dalle foglie
Pendo dalle tue labbra, mi lasci a bocca asciutta
Siamo solo otto miliardi di persone spoglie
Dipenderò da te, perché non so più stare sola
Io tendo a cercarti sopra divani vuoti
Delle feste di merda a cui non voglio mai andare
Rincorro i tuoi sguardi perché hai l'oro negli occhi
E tutto il tuo mondo in testa che mi parla
Passerà un'altra notte ancora
Giochiamo a sognare, non svegliarmi
Costruirò castelli di lenzuola
Ritorno bambina, tu non svegliarmi più
Uh-uh-uh
Uh-uh-uh
Ritorno bambina
Tu non svegliarmi
Come i fiori in primavera prendono colore
Coglierò ogni momento, sì
Prenderò tutto il freddo di questa città
Vorrei scappare un giorno, ma con te al mio fianco
Senza avere una meta, solo fogli bianchi
Non so quante altre volte dovrò dirti grazie
Dipenderò da noi perché siamo costanti
Io tendo a cercarti sopra divani vuoti
Delle feste di merda a cui non voglio mai andare
Rincorro i tuoi sguardi perché hai l'oro negli occhi
E tutto il tuo mondo in testa che mi parla
Passerà un'altra notte ancora
Giochiamo a sognare, non svegliarmi
Costruirò castelli di lenzuola
Ritorno bambina, tu non svegliarmi più
Uh-uh-uh
Uh-uh-uh
Ritorno bambina
Tu non svegliarmi più
Uh-uh-uh
Uh-uh-uh
Ritorno bambina
Tu non svegliarmi
E se partirai, giuro che ti seguirò
Non voglio svegliarmi con nomi che non so
Non voglio un futuro in cui tu non sai chi sono
In cui tu non sai chi sono
E se il nostro tempo non sarà mai abbastanza
Io continuerò a pendere dalle tue labbra
Dammi fiato, dammi sonno
Tu non svegliarmi più
Uh-uh-uh
Uh-uh-uh
Ritorno bambina
Tu non svegliarmi


Spifferi

Vorrei sapere a cosa pensi ora che siamo lontane e distanti
E queste miglia viaggiano davanti
Non so sognare se so che tu piangi
E sbattevamo le porte solo per voler esser un po' più grandi
Come due adulti che vivono male
Ma siamo piccole gocce nel mare
Mi sento in difetto
Per averti persa ancora
Fuori è buio pesto, trenta luglio pieno
Macchine fanno la coda
Io resterò chiusa in casa
Guarderò il caldo passare
Sento i tuoi respiri negli spifferi delle persiane
E non va più via
Quel ricordo che avevo di noi
Quando calava il buio e senza niente intorno
Quella voglia che avevo di urlare
Pararti le spalle, sorreggere il mondo
Non va più via, non va più via
Non riesco a prendere sonno, oh
Non va più via, non va più via
Oggi è nuvoloso e piove solo su di me
Chissà se anche i grandi agiscono senza un perché
Lascio a mani vuote sempre chi mi vuole bene
Quell'estate calda io l'ho vissuta nella neve
Sbattevamo i piedi così forte
Sul tetto del mondo, senza mai cadere
Siamo scivolate così in fondo, ora è tutto fermo e passano le sere
Mi sento in difetto
Per averti persa ancora
Fuori è buio pesto, trenta luglio pieno
Macchine fanno la coda
Io resterò chiusa in casa
Guarderò il caldo passare
Sento i tuoi respiri negli spifferi delle persiane
E non va più via
Quel ricordo che avevo di noi
Quando calava il buio e senza niente intorno
Quella voglia che avevo di urlare
Pararti le spalle, sorreggere il mondo
Non va più via, non va più via
Non riesco a prendere sonno, oh
Non va più via, non va più via
Mi sento in difetto
Per averti persa ancora
Fuori è buio pesto, trenta luglio pieno
Macchine fanno la coda
Io resterò chiusa in casa
Guarderò il caldo passare
Sento i tuoi respiri negli spifferi delle persiane


L'ultima notte

Un'altra estate passa
E la guardiamo andare via in silenzio
Tu mi sfiori le labbra
E mi prometti: "Ci vediamo presto"
E sparirà la sabbia
Si lascerà trascinare dal vento
È vuota quella piazza
Ricordo quando ci stavamo in cento
Da stesi sulla riva all'alto mare
Quante giornate ho visto cominciare
La luce è spenta adesso in quel locale
Dove andavamo per gridare
Non m'importa di niente
Io l'ultima notte la passo con te
Prendi da bere e portami dove vanno le stelle
È l'ultima notte, siamo solo io e te
Dimmi che ti ricorderai di me
Dimmi che ti ricorderai di me
Dimmi che ti ricorderai
E siamo soli in spiaggia
Se non abbiamo bisogno di niente
Se stai tra le mie braccia
Giuro stanotte durerà per sempre
Mi risfiori le labbra
E restiamo insieme fino alle sette
E sparirà anche l'alba
Tra baci che sanno di sigarette
Da stesi sulla riva all'alto mare
Quante giornate ho visto cominciare
La luce è spenta adesso in quel locale
Ci torneremo per gridare
Non m'importa di niente
Io l'ultima notte la passo con te
Prendi da bere e portami dove vanno le stelle
È l'ultima notte, siamo solo io e te
Dimmi che ti ricorderai di me
Dimmi che ti ricorderai di me
Dimmi che ti ricorderai


Cicatrici (feat Madame)

Vorrei una soluzione per ogni parola che mi dici
Vorrei riuscire a guarire le tue cicatrici
Che son giorni che non vedi la luce
E non ti alzi dal letto e pensi a quando eravamo felici
È così brutto essere soli
Problemi con la depressione e con i genitori
E tutte quelle volte che mi hai dato la tua felpa
Che in tasca aveva i guai di una vita che ti stava troppo stretta
E adesso guardo le stelle senza di t?
Perché tu pensi che sia m?glio esternarsi
E ricordo a fare tutte le notti insieme le tre
E poi tornavamo e prendevamo gli schiaffi
E quanto manchi, quanto mi manchi
Non ti buttare giù solo perché te lo dicono gli altri
Hai dato tutto alla vita e lei non ha niente da darti
E le mie braccia sono un luogo in cui potrai ripararti, giuro
In cui potrai ripararti
In cui potrai ripararti
In cui potrai ripararti
Hai dato tutto alla vita e lei non ha niente da darti
E le mie braccia sono un luogo in cui potrai ripararti
Ora ti lancio una maledizione
Ogni volta che farai l'amore
Che sia con la tua donna o che sia altrove
Penserai soltanto a me
Però ti lancio una benedizione
Ogni volta che sarai da solo
Sembrerà come se non lo fossi
Perché sarò lì con te
****, pensavo fossi solo di passaggio
Ma invece hai un bel coraggio, sei ancora nei paraggi
E ti ritrovo dentro al mio paesaggio
Anche una cartomante mi ha parlato di te
Sei tutto ciò che non ho mai voluto
Al contempo quanto ti ho desiderato
Qualcuno che mi amasse più di tutto
Ma che non mi poteva dare tanto
E quanto manchi, quanto mi manchi
Non ti buttare giù solo perché te lo dicono gli altri
Hai dato tutto alla vita e lei non ha niente da darti
E le mie braccia sono un luogo in cui potrai ripararti, giuro
In cui potrai ripararti
In cui potrai ripararti
In cui potrai ripararti
Hai dato tutto alla vita e lei non ha niente da darti
E le mie braccia sono un luogo in cui potrai ripararti
Testi ed immagini Copyright Skuola.net



Sannioportale.it