• DOMENICA 26 GIUGNO 2022 - S. Elisa vergine

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Skuola.net a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Fedez: "Il mio tumore come quello di Steve Jobs"

Nel corso della conferenza stampa, che si è tenuta a Palazzo Reale a Milano, per presentare il nuovo ambizioso progetto del riunito duo Fedez e J-Ax, Federico Lucia ha raccontato nel dettaglio gli ultimi difficili mesi, la scoperta del tumore, il suo stato e l’operazione che ha dovuto subire. fedez come Steve Jobs tumore neuroendocrino al pancreasFonte foto: @fedez via Instagram
"Tumore raro come quello di Steve Jobs, sono stato molto fortunato" lo ha definito mentre spiegava alla sala piena di gente la sua storia clinica, mostrandosi però in forma, e anzi, rassicurando i presenti sul suo stato di salute dopo aver affrontato il tumore neuroendocrino al pancreas.

    Leggi anche:
  • Fedez e J-Ax di nuovo amici: faranno un concerto di beneficenza a Milano. Ma perché avevano litigato?
  • Fedez tornerà a essere giudice di X Factor
  • Liliana Segre invita Chiara Ferragni: “Porterebbe tanti giovani al Memoriale della Shoah”
  • Cosa sappiamo sulla Fondazione di Fedez che aiuterà le persone in difficoltà

Il tumore di Fedez spiegato dal cantante

"Il tumore era molto raro, è quello di Steve Jobs, la fortuna è che non ha una classificazione in cancerogeno benigno ma in G1, G2 e G3. Il mio era G1, il che vuol dire ‘tanto culo’” ha iniziato a raccontare Fedez, parlando, come riporta il Giornale, a mesi di distanza, del male che lo ha colpito e lo ha costretto a operarsi d’urgenza.

“Non ha preso i linfonodi e non avevo micro metastasi, per cui non ho dovuto fare chemioterapia. Al 90% posso dire che va tutto bene. È come se vedessi il mondo a colori" ha quindi continuato il rapper, descrivendo la sua vita post-operatoria.

Non esita a definirsi fortunato, nonostante l’operazione a cui è stato sottoposto è stata molto invasiva: "È stata un'operazione importante. Sono stati rimossi duodeno, cistifellea, pancreas e un pezzo di intestino, ma sto facendo attività fisica e mi ritengo molto molto fortunato".

Conclude il momento una sua riflessione ringraziando le persone a lui care che gli sono state vicine, e chiarendo una sua passata dichiarazione che è stata male interpretata: "Mi sono permesso di dire che l'amore per la famiglia è la cura più forte a ci sono state persone che hanno storto il naso ma io volevo solo ringraziare le persone che mi sono vicine, non volevo dire che l'amore sostituisce la medicina".
Testi ed immagini Copyright Skuola.net



Sannioportale.it