• SABATO 24 OTTOBRE 2020 - S. Marco solitario

A Napoli può iscriversi all’università solo chi ha preso 100 alla maturità

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Skuola.net e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


100 allla Maturità come unico criterio di accesso nella facoltà di Psicologia dell'Università Federico II

L’emergenza sanitaria ha indotto diverse università a sospendere i tradizionali test di ingresso, previsti per le facoltà a numero chiuso, preferendo come criterio di ammissione il voto conseguito alla maturità. Nonostante la struttura dell’Esame di Stato 2020 sia stata radicalmente modificata dalle esigenze sanitarie, risolvendosi in una sola maxi prova orale, tuttavia alcune università hanno comunque ritenuto opportuno regolare le nuove immatricolazioni, ammettendo ai propri corsi solo gli studenti con voti più alti. È questa la via presa anche dal dipartimento di Scienze e Tecniche Psicologiche dell’Università Federico II di Napoli, una disposizione che in queste ore sta facendo discutere molto l'ambiente accademico. La facoltà di Psicologia del capoluogo campano ha infatti stabilito che la possibilità di accedere ai suoi corsi sarà soltanto per i diplomati che hanno raggiunto il 100 alla Maturità.

Guarda anche:

  • Università: il voto di maturità potrebbe essere cruciale per l’ammissione
  • Voto di Maturità come criterio di accesso ai corsi a numero chiuso: le proteste degli studenti
  • Università, esami in presenza da settembre e lezioni in aula per le matricole: parla Manfredi
  • Università, come si tornerà in aula? Le parole di Manfredi
  • Università, così si tornerà a settembre tra posti prenotati e mascherina

La protesta indignata dell’Unione degli Universitari

Immediata la reazione indignata dell’Unione degli Universitari: “Riteniamo gravissimo che il metodo di accesso al dipartimento di Scienze e Tecniche psicologiche alla Federico II sia basato unicamente sul voto di maturità, una scelta che lascia fuori un’ampia fascia di studenti che non sono riusciti a prendere il fatidico 100, ledendo quindi il diritto allo studio di tutti coloro che non hanno ottenuto lo stesso risultato”. Proprio per questo, oggi alle ore 11:00 si sono riuniti nella Domus Ars a Napoli per discutere il problema con il legale Michele Bonetti. Le richieste dell’UdU sono ovviamente rivolte all’abolizione del criterio di accesso adottato, ritenuto discriminante, soprattutto se si pensa che anche per la facoltà più ambita di Italia, ossia quella di Medicina, nelle università statali è stato confermato il tradizionale test di ingresso come determinante per l’ammissione.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it