• MARTEDÌ 9 AGOSTO 2022 - S. Romano martire

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Altalex.com a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



Pensione ai superstiti: decurtazioni non oltre i redditi aggiuntivi

Con la sentenza 30 giugno 2022, n. 162 la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale, in riferimento all’art. 3 Cost., del combinato disposto del terzo e quarto periodo del comma 41 dell’art. 1 della L. 8 agosto 1995, n. 335, e della connessa Tabella F, nella parte in cui, in caso di cumulo tra il trattamento pensionistico ai superstiti e i redditi aggiuntivi del beneficiario, non prevede che la decurtazione effettiva della pensione non possa essere operata in misura superiore alla concorrenza dei redditi stessi, poiché la regolamentazione del cumulo tra la prestazione previdenziale e i redditi aggiuntivi del suo titolare, laddove comporti una diminuzione del trattamento pensionistico, deve muoversi entro i binari della ragionevolezza, che verrebbe meno allorché siano applicate decurtazioni del trattamento di reversibilità in misura superiore ai redditi aggiuntivi goduti dal beneficiario nell’anno di riferimento.
Testi ed immagini Copyright Altalex.com



Sannioportale.it