• MARTEDÌ 7 DICEMBRE 2021 - S. Ambrogio vescovo

Mensa Altrabenevento. Clamoroso, il tecnico della Quadrelle 2001 contesta l'Arpac

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Tvsette.net e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Scendono a 300 gli alunni che usufruiscono della mensa.

Il sindaco di Benevento, Fausto Pepe, nel corso di un incontro con gli insegnanti iscritti al sindacato GILDA, ha dichiarato che appena 300 bambini (sui 1.250 previsti) utilizzano la mensa scolastica. La sfiducia delle famiglie, secondo Fausto Pepe, sarebbe immotivata perché sul tetto dell’edificio non sarebbe stato trovato amianto. Lo riferisce, naturalmente, la Gazzetta di Benevento, specializzata in indiscrezioni da Palazzo Mosti.

Com’è noto, l’Arpac a gennaio 2015 con il verbale n.60 aveva accertato che “La copertura dello stabile in cui ha sede l’attività denominata Ristorò è realizzata in pannelli ondulati di fibro-cemento” ed aveva chiesto alla ditta di esibire una perizia di un tecnico abilitato per escludere la presenza di amianto. Tale richiesta è stata sollecitata anche dalla ASL a luglio 2015 e a gennaio 2016 a seguito del ritrovamento di fibre disperse di amianto dinanzi alle cucine della mensa da parte di un laboratorio incaricato dalla Ristorò.

Finalmente il 3 febbraio scorso, dopo le proteste di Altrabenevento per il palleggiamento di responsabilità tra varie autorità preposte, l’Arpac, la Asl, e il Comune hanno effettuato i prelievi di materiale definito nuovamente con apposito verbale “fibrocemento”, cioè cemento con fibre da accertare a seguito di esami di laboratorio.

Quegli esami non sono ancora pronti ma subito dopo il sopralluogo il comandante della Polizia Municipale già annunciava che era stato trovato solo cemento senza amianto. Anche i rappresentanti della Quadrelle 2001 hanno sostenuto la stessa tesi che però adesso viene smentita proprio dal tecnico nominato da quella ditta, l’arch. Papa da Caserta, il quale nella perizia del 4 febbraio, presentata alla ASL, scrive “I locali adibiti a servizio di ristorazione scolastica fanno parte di un immobile ad uso industriale realizzato con struttura prefabbricata e copertura in parte piana in lamiera zincata coibentata e in parte costituita da travi in acciaio omega e LASTE ONDULATE BITUMATE del tipo Isola della Onduline”.

Quindi, il tecnico della Quadrelle 2001 non ha trovato neppure il fibrocemento accertato dalla Arpac, ha trovato solo bitume cioè catrame. Siamo alla farsa!

Le onduline di bitume sono all’esterno di colore arancio e all’interno di colore nero e non somigliano neppure lontanamente a quelle di colore grigio chiaro che si vedono sul tetto delle cucine della Ristorò.

Il sindaco Fausto Pepe, che è pure ingegnere ed ex direttore dell’Arpac, dovrebbe rendersi conto che la sfiducia dei genitori nasce proprio dalle mancanze, dalle distrazioni, dalle omissioni e dalle contraddizioni di chi dovrebbe controllare e rassicurare gli utenti. Invece, proprio lui, in questi due anni, nascondendosi dietro l’autonomia dei dirigenti, ha ripetuto che “tutto è a posto” ed è stato puntualmente smentito dal fatti.

Il presidente Gabriele Corona



Sannioportale.it