• MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE 2020 - S. Tecla vergine martire

Come visitare il vulcano Etna

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Siviaggia.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


L’Etna, patrimonio dell’umanità Unesco dal 2013, ormai rappresenta una delle mete più ambite di tutta la Sicilia in quanto con i suoi 3.350 m d’altezza di natura “viva” sa regalare a escursionisti esperti e semplici camminatori emozioni uniche. Detta anche Mungibeddu (Mongibello) o ‘a Montagna in siciliano, l’Etna è il vulcano attivo più alto d’Europa. Il paesaggio che caratterizza i suoi crinali, a causa delle frequenti eruzioni, è cambiato profondamente nel corso della storia. Esplorare la sua natura in continua metamorfosi vuol davvero dire vivere un’esperienza a contatto con quelle potenti forze della natura che atavicamente ci spaventano ancora oggi come nell’antichità spaventavano le popolazioni che tentarono di insediarsi sui suoi versanti, nel tentativo di addomesticare una terra tanto inquieta quando estremamente fertile. Non è dunque infrequente osservare enormi pinnacoli di fumo bianco o grigio levarsi dalla bocca del cratere principale, mentre per le colate laviche bisogna pazientare e aspettare che scenda la notte così da poter ammirare, a distanza di sicurezza dai borghi circostanti, un’incredibile spettacolo di luce rossa fiammante squarciare l’oscurità. Vediamo ora brevemente che tipo di escursioni è possibile effettuare, ...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it