• VENERDÌ 7 MAGGIO 2021 - S. Flavio martire

Alla scoperta del borgo di Padula e della sua Certosa

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Siviaggia.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Padula è un piccolo Comune immerso nella natura, all’interno del meraviglioso Vallo di Diano, patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Una conca contornata dalle montagne calcaree del Cilento e dell’Appennino Lucano, una vera e propria riserva naturale dalle meravigliose bellezze paesaggistiche, insieme alle incredibili testimonianze di siti archeologici, storici e artistici. Padula, nella provincia di Salerno, è uno dei deliziosi borghi racchiusi nel Vallo, con la sua celebre Certosa e il verde tutt’intorno, ideale per escursioni e trekking. Padula: un po’ di storia Il nome stesso della città, Padula, di origine latina, faceva intendere che anticamente ci fosse una palude nel territorio pianeggiante limitrofo. Ma le origini della località sono ancora più antiche, e i primi insediamenti umani risalgono al XII secolo a.C., con la venuta degli Enotri, popolo campano. In seguito si sono avvicendati i Lucani e i Romani. Nel medioevo la città fu preda delle incursioni saracene e poi con l’arrivo dei Normanni e la successiva feudalizzazione si arrivò alla formazione di nuovi assetti di potere. La nobile famiglia dei Sanseverino assunse nella fine del 1200, il comando della città, con la creazione delle imponenti mura ...



Sannioportale.it