• VENERDÌ 18 SETTEMBRE 2020 - S. Irene vergine

Vomito, diarrea e febbre alta: allarme influenza

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  Vomito, diarrea e febbre alta. Sono i sintomi di una nuova epidemia parainfluenzale. I più colpiti, facile prevederlo, restano gli anziani.
I medici di famiglia sono in affanno, richiamati ogni giorno da raffiche di richieste di aiuto. Preso d'assalto anche il pronto soccorso. 
Un allarme, quello che si sta vivendo in questi giorni, dunque, pari al picco influenzale dello scorso inverno che ha visto, migliaia di persone a letto.  Guai a sottovalutarla. L’influenza può avere pesanti conseguenze, anche letali, soprattutto negli anziani e nei soggetti con malattie croniche, con un sistema immunitario fragile o compromesso. Una patologia che non arresta la sua corsa: nella stagione 2014-2015 oltre 6,2 milioni di persone hanno fatto i conti con l’influenza, con un incremento rispetto all’anno precedente di 1,7 milioni di casi registrati. Vaccinarsi contro il virus dell’influenza diventa quindi una scelta decisiva, come peraltro raccomandano Ministero della Salute, e le autorità sanitarie globali. Ne sono convinti gli esperti riuniti nel convegno “Influenza, quando un vaccino diventa un caso pubblico” organizzato oggi a Bologna che lanciano un messaggio preciso: “Sulle vaccinazioni dobbiamo invertire la rotta”. Siep



Macrolibrarsi
Sannioportale.it