• GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2020 - S. Pacifico da S. Severino

Volete risparmiare sull'assicurazione? Siate infedeli...

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Benevento.  La latitudine geografica, le tasse e, chiaramente, il numero degli incidenti. Ma c'è anche un altro fattore che incide sensibilmente sul costo per l'assicurazione della propria auto: la infedeltà. Sì, proprio la mancanza di un legame duraturo con il proprio assicuratore può garantire risparmi consistenti sul premio pagato annualmente. Lo dicono i dati ufficiali contenuti nel Rapporto 2014 dell'Istituto nazionale di vigilanza sulle assicurazioni pubblicato oggi. Nella generalizzata contrazione del costo per la copertura della responsabilità civile (8 per cento medio su base nazionale), il Sannio si caratterizza per la marcata volubilità degli assicurati. Benevento è in assoluto la provincia italiana con il più elevato tasso di cambi di compagnia, addirittura il 29 per cento secondo l'autorevole monitoraggio dell'Ivass. Il che si riflette in un apprezzabile vantaggio economico per il sottoscrittore della polizza: 108 euro l'anno, ovvero più del 20 per cento del costo. Se infatti la media iniziali dei premi pagati ammonta a 522 euro, a cambio avvenuto tale quota si abbassa bruscamente a 414 euro. E l'Istituto di vigilanza fornisce anche la controprova: non mutando compagnia il risparmio medio non va oltre i 27 euro. In generale, per il 2014 l'Ivass registra un diffuso calo del premio versato su tutto il territorio nazionale. Frutto, spiegano i rappresentanti di categoria, della diminuzione degli incidenti, veri o falsi che siano. Anche l'annoso fenomeno delle truffe sembrerebbe infatti in regressione e di conseguenza le compagnie starebbero praticando prezzi più accessibili che restano però, va detto, ancora tra i più cari d'Europa. Nel Sannio il costo delle polizze è sceso in media del 5,1 per cento tra il primo e il secondo semestre dello scorso anno, mentre il raffronto con il 2013 dà un riscontro ancora più vantaggioso: -10,2 per cento. Andamento pressochè identico in Irpinia (-10,4% tra il 2013 e il 2014) e nelle altre province campane che restano comunque ai vertici della classifica nazionale di onerosità. Con 766 euro di premio medio Napoli è di gran lunga la provincia più costosa d'Italia, seguita da Caserta con 676 euro. Va meglio, si fa per dire, a Salerno dove si pagano in media 576 euro. I prezzi più bassi della Campania ad Avellino (478 euro) e Benevento (455 euro). Paolo Bocchino



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it