• MERCOLEDÌ 20 OTTOBRE 2021 - S. Contardo Ferrini

Vivo a Buenos Aires ma sogno ogni notte la Tarantella

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  “Mi sono innamorata delle vostre tarantelle e della vostra tammurriata. Ce l'ho nel sangue dopotutto. Con una madre che rimpiange ogni giorno la vita lontana dalla sua terra non potrebbe essere altrimenti”. Spiega Claudia Acuna, argentina di origini italiane. “Fondamentale l'amicizia a distanza con un ricercatore Irpino tra i più generosi e seri, Luigi D`Agnese, responsabile del Museo Civico Etnomusicale di Montemarano. Il suo studio e le tracce dei due Cd “Mascarà Mascarà” m'anno fatto nnamurà”. “A luglio del 2015 l`associazione argentina Cassano Irpino mi ha chiesto di tenere una stage durante due fine settimana nella loro sede, con danze e canti Irpini e sulla memoria orale degli emigranti che lì si radunano da decenni. Maria Cieri è stata l`anima di questi bellissimi incontri. Lei è stata inoltre la persona che ci portó le prime castagnette della Scuola di Tarantella Montemaranese dopo un suo bellissimo viaggio al paese dei genitori emigrati”. “L'idea della rivista Mediterruño nasce dalle nostre esperienze personali di musicisti e dal desiderio di voler diffondere la poesia, il cinema, la cultura, le tradizioni, i racconti popolari, dell'area mediterranea, quello scrigno di storia e unicità, che hanno cercato più volte di depredare. Ora porterò il Carnevale di Montemarano all'università di Buenos Aires". ( Continua su App News - Per Apple/Per Android) Andrea Fantucchio Questo articolo è stato approfondito sull'app: Ottopagine News Clicca qui per scaricare l'app



Macrolibrarsi
Sannioportale.it