• GIOVEDÌ 13 AGOSTO 2020 - SS. Ponziano e Ippolito martiri

Vertenza Cedisa – La Quiete, esposto in Procura dei dipendenti

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Salerno.  Un esposto in Procura da parte dei dipendenti delle strutture sanitarie private del Cedisa e de La Quiete. La vertenza si acuisce, con le sigle sindacali che hanno ottenuto un incontro per domani mattina con il procuratore della Repubblica, Corrado Lembo. In pratica, adesso, si è pronti a passare al ritmo di carte bollate, soprattutto dopo la fumata nera di ieri pomeriggio in Prefettura e con i tempi di una chiusura del contenzioso che rischiano di allungarsi per l’ingresso nella querelle dell’Avvocatura dello Stato. In ballo vi sarebbero circa 1,8 milioni d’euro che restano quiescenti nelle casse della proprietà e dell’Asl, per le rimesse sanitarie che avanzano le due strutture sanitarie. Una cifra che resta bloccata a causa dei pignoramenti da parte dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate. Nel mezzo, gli oltre cento dipendenti delle due strutture sanitarie che non percepiscono gli stipendi da oltre un anno con punte che arrivano a 14 mensilità. Da qui la decisione di avviare l’interruzione totale di tutte le prestazioni sanitarie sia al Cedisa e sia a La Quiete. Sono garantiti i limiti assistenziali soltanto ai malati in cura mentre proseguono i presidi da parte dei dipendenti nelle due strutture sanitarie.   Antonio Roma



Macrolibrarsi
Sannioportale.it