• MERCOLEDÌ 21 APRILE 2021 - S. Anselmo vescovo

Un murales sulla spiaggia di Torrione per il piccolo Aylan

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Salerno.  «"Ironia della morte" sulla spiaggia del Papaya a Torrione». È la descrizione che accompagna la foto pubblicata dalla pagina Facebook “Salerno Street Art” e che riprende in modo astratto (e ironico) il terrificante scatto  di Aylan, il bimbo siriano di 3 anni fotografato dopo essere annegato sulla battigia di Bodrum, in Turchia. Uno scatto che nei giorni scorsi ha indignato il mondo intero e che sta continuando ad alimentare il dibattito sugli sbarchi di migranti in Europa. Una problematica particolarmente sentita che a Salerno è diventata tema di un murales. Il writer salernitano Carlo Oneto, in arte Knet, infatti, ha dato un’interpretazione provocatoria alla questione, rappresentando un bimbo disteso sulla spiaggia e con delle bandierine simbolo del consumismo conficcate nel suo corpicino. La location scelta dall’artista salernitano, tra l’altro, non è casuale: il murales, infatti, è stato fatto a due passi dall’ex ostello della gioventù, storico rifugio degli extracomunitari a Salerno.       Redazione Sa



Sannioportale.it