• MERCOLEDÌ 12 AGOSTO 2020 - S. Eusebio vescovo

Tre cinture nere alla Palestra Karate Dojo di Grottaminarda

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Esame di cintura nera, Primo Dan CSEN, a sorpresa per i ragazzi della Palestra Karate Dojo di Grottaminarda dei Maestri Dino e Geradino Cappuccio. Nella giornata di ieri, presso la Palestra di Via Pioppi, durante un allenamento, Gregorio Carmine Papaleo di Mirabella Eclano (16 anni), Michele Nisco di Castel Baronia (16 anni) e Antonio Ciampi di Grottaminarda (18 anni) hanno sostenuto e superato a pieni voti l’importantissimo esame di cintura nera Csen, che conclude un percorso di studio della durata di dieci anni in media. Kyon, kata e kumite le specialità su cui verte. Tale tappa pone le basi per il successivo completamento della prova di cintura nera SKI-I, della celebre Federazione omonima, che richiede tre stage di completamento come preparazione preliminare. Il percorso annuale dei tre ragazzi si è compiuto con allenamenti di quattro o sei ore settimanali, con stage di approfondimento della disciplina a Grottaminarda, Foggia, Lucera, Roma e Igea Marina (Rimini) tenuti dai noti Maestri giapponesi Takeshi Naito e Shian Masaru Miura, con la partecipazione a due Campionati Nazionali delle due Federazioni JKA il 28 settembre 2014 a Mariano Comense (Como) e della Federazione SKI-I il 23 e 24 maggio 2015 a Salsomaggiore Terme (Parma), con ottimi piazzamenti sia nella specialità di kata, che di kumite e con la partecipazione alla 24ç Coppa Magna Grecia CSEN a Grottaglie (Taranto) il 18 gennaio 2015, competizione nella quale i tre ragazzi in squadra hanno conseguito il secondo posto nella specialità di kata. Dopo questo itinerario sportivo, in una serata di giugno a sorpresa i Maestri hanno premiato i ragazzi, preparati da settembre con cura, dedizione e precisione certosina, con l’agognato diploma di cintura nera, 1° Dan CSEN. Soddisfatti atleti e Maestri per la brillante riuscita di un programma di studi dettagliato. Infatti, i Maestri della Palestra Karate Dojo sono noti proprio perché estremamente esigenti nella preparazione di questo esame e per il rigore dell’esame stesso, tenuto alla presenza di tutto il team delle cinture nere e marroni. Instancabili i Maestri: il Maestro Dino nei giorni 5,6 e 7 giugno ha tenuto un corso di approfondimento in qualità di docente a Brancaleone a Reggio Calabria; il Maestro Gerardino, scelto tra gli agonisti nella Nazionale SKI-I a rappresentare l’Irpinia e l’Italia nella specialità di kumite, è stato impegnato il 13 e 14 giugno a Mantova in un allenamento tenuto dal Maestro Miura, specifico per la preparazione agonisti per la prossima competizione internazionale del 3, 4 e 5 luglio in Belgio a Bugenbach, dove saranno completati gli approfondimenti tecnici dai Maestri Murakami Shihan, 7° Dan e Fumatoshi Kanazawa, 5th Dan della Federazione SKIF. Dal 9 al 12 luglio, i ragazzi diplomati cintura nera, 1° Dan CSEN saranno impegnati con gli agonisti della Palestra di Grottaminarda a Igea Marina per uno stage della Federazione SKI-I di approfondimento della disciplina tenuto sempre dal Maestro Miura, encomiato dalla Comunità Europea per il lavoro svolto e che continua a svolgere sul piano mondiale. Passione, allenamenti, continui e la voglia di andare sempre oltre, dando il massimo: queste le pretese dei Maestri, che lasciano spazio solo a chi ha determinazione ed entusiasmo. Ai normali tempi di allenamento si abbina sempre una gradualità crescente di carichi di lavoro, associati ad indispensabili pause di rigenerazione e naturalmente osservando una metodologia infallibile. I risultati non arrivano per caso e la conferma gratifica e sprona. Ogni gara è un esame, ogni allenamento una prova con se stessi, ogni vittoria un impegno per i successivi confronti. Dominare l’ansia, convincersi che non si è mai arrivati, accettare e superare consapevolmente tutte queste esperienze è il loro insegnamento. Il karate entra nella vita a tutti gli effetti e non ci si allontana più neanche col pensiero. Si pensa e si vive da karateka. Investire nella pratica sportiva appassionante serve a vivere in modo leale e pulito, ottenendo sicuramente in cambio un vantaggio almeno salutare. Si entra piccolissimi nella Palestra Karate Dojo di Grottaminarda, a soli sei anni, si cresce e si diventa atleti e uomini accomunati dall’entusiasmo di condividere un’avventura fatta di passione, allenamenti, costanza, sacrifici e successi. Festa finale a sorpresa per i tre ragazzi che sono già pronti per itinerari sempre maggiori. Sbalorditivi i Maestri, entusiasmati e sempre carichi gli atleti. Redazione Sport



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it