• DOMENICA 25 OTTOBRE 2020 - S. Bonifacio I papa

Tarsu 2009, il comune non poteva fare accertamenti nel 2015

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Benevento.  Illegittimi gli accertamenti sul pagamento della Tarsu 2009 effettuati dopo il 31 dicembre del 2014. In poche parole il Comune per tutto il 2015 non poteva inviare gli accertamenti relativi al presunto omesso pagamento della tassa in quanto erano già passati 5 anni. A stabilirlo è stata la Prima Sezione della Commissione Tributaria Provinciale che ha accolto il ricorso presentato dai cittadini attraverso l'associazione Benevento Libera e il sindacato Cisl. L'annuncio del sindacato e dell'associazione è stato dato oggi. “La tesi del legale difensore dei ricorrenti, Luigi Bocchino è stata recepita nella sua interezza dalla Commissione Tributaria, confermando così la prescrizione quinquennale del tributo. La Cisal, da sempre al servizio dei cittadini, con questa sentenza, - si legge nel comunicato - rafforza il suo impegno nel sociale ed, evidenzia un altro spinoso problema, relativo a quei cittadini che sono stati coinvolti dall’esondazione del fiume Calore il 15 ottobre 2015. Appare inutile – concludono Cisal e Benevento Libera - elencare i danni subiti, perché non possono essere tenuti nascosti, ma ciò nonostante, è pur vero che dare “una mano di aiuto” diventa importante. A tal ragione, invitiamo l’Amministrazione Comunale, a voler predisporre in loro favore, una proroga della data per il pagamento di tutte le tasse comunali”. redazione



Macrolibrarsi
Sannioportale.it