• MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE 2020 - S. Tecla vergine martire

Sirene di mercato per Pisacane: l'Avellino resta alla finestra

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Da due stagioni a questa parte è il leader indiscusso della difesa biancoverde e un punto di riferimento per lo spogliatoio anche al di fuori del campo, dove nei momenti più delicati ci ha sempre messo la faccia dimostrando tutto il suo carisma e il suo carattere. Chiunque vorrebbe in squadra uno come Fabio Pisacane, sia per la personalità, sia per la duttilità tattica che ha dimostrato giocando, nel biennio in biancoverde, in tutti i ruoli possibili e immaginabili: centrale della difesa a tre o a quattro; terzino destro o sinistro; addirittura esterno di fascia nel 3-5-2 di Massimo Rastelli. Una somma di punti di forza che lo rendono, inevitabilmente, oggetto del desiderio di tanti club.  La dirigenza biancoverde lo ritiene l'anima del progetto tecnico e sportivo. In primis il presidente Walter Taccone, che lo scorso 16 giugno, a OttoChannel, nel corso di un intervento telefonico nel corso di 0825, lo aveva definito "il giocatore più rappresentativo". Ma è chiaro che in caso di offerte dalla Serie A, o particolarmente vantaggiose sul piano economico, sarà necessaria quantomeno una riflessione sul da farsi. Diversi i ruomors di mercato relativi a Pisacane, legato ai lupi sino al 2018. L'ultimo, in ordine cronologico, risale alla tarda serata di ieri, quando il portale specializzato gianlucadiamarzio.com ha rilanciato l'interesse del Cagliari per il classe 1986 partenopeo. L'Avellino aspetta l'evolversi della situazione, resta alla finestra, e continua a seguire Chiosa e Milanovic: uno dei due potrebbe arrivare, in ogni caso, a prescindere da Pisacane. Marco Festa



Macrolibrarsi
Sannioportale.it