• VENERDÌ 25 SETTEMBRE 2020 - S. Giuseppe Pign.

Sidigas, Marino è perentorio: "Bucchi resta a Brindisi"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Bucchi e Giuliani resteranno a Brindisi, anche se continuano a circolare rumors di mercato che li vorrebbero altrove". Sono le parole del presidente dell'Enel Brindisi e di LegaBasket, Fernando Marino, rilasciate al portale BrindisiReport e che sembrano chiudere sul nascere margini di trattativa per l'arrivo di Piero Bucchi sulla panchina della Sidigas Avellino. Il massimo dirigente brindisino allontana qualunque tipo di voce su un possibile addio di Bucchi e del general manager, Alessandro Giuliani, coach della Scandone nella stagione 2005/2006. Dalle parole del numero uno dell'Enel emerge la voglia di riscatto dei pugliesi dopo una stagione chiusa ai quarti di finale con una battaglia serrata contro la Grissin Bon Reggio Emilia, finalista Scudetto; una stagione fortemente condizionata dagli infortuni, in primis il terribile incidente al ginocchio occorso a Cedric Simmons (lesione totale del tendine del quadricipite del ginocchio sinistro) che ha escluso dai giochi il centro USA di passaporto bulgaro sin dal mese di dicembre. Il mirino della Scandone sembrava puntato sul duo Bucchi-Spinelli nel ruolo di coach e team manager per quella che deve essere la stagione del rilancio, ma a quanto pare i vertici dirigenziali della Sidigas dovranno virare gioco-forza su altri nomi, almeno per la guida tecnica. Ora, con un Bucchi blindato dall'Enel (l'ex Napoli è legato da un contratto con Brindisi sino al 2016) ci sono le alternative Paolo Moretti, libero dal contratto con Pistoia, Pino Sacripanti e Marco Calvani. Per la dirigenza, restano calde anche le piste che portano ai nomi di Pierfrancesco Betti e Cecco VescoviCarmine Quaglia  



Macrolibrarsi
Sannioportale.it