• VENERDÌ 23 APRILE 2021 - S. Adalberto vescovo

Sidigas Avellino 2014/2015: "che fine hanno fatto?"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Saranno ufficialmente ex cestisti della Sidigas Avellino solo a partire dal 30 giugno, scadenza naturale del contratto firmato la scorsa estate, ma di fatto non sono più parte del progetto tecnico biancoverde che, a breve, gioco-forza, dovrà determinare un cambio di passo. La Scandone, come diverse squadre di Serie A, è ancora intenta a definire la nuova guida tecnica che, nello sport e a maggior ragione nella pallacanestro, determinerà il nuovo assetto del roster 2015/2016, quello del sedicesimo torneo consecutivo in massima serie degli irpini. Un onore per la Sidigas di patron De Cesare che, con la retrocessione della Juve Caserta in A2, rappresenterà tutto il movimento cestistico campano nell’elite della palla a spicchi italiana.  Per il nuovo corso tecnico, Piero Bucchi resta in cima alla lista dei desideri della Sidigas, ma non si registrano modifiche allo scenario delle ultime settimane che vede i vertici societari intenti in una fase di riflessione (leggi qui), prima di operare le scelte tecniche per la nuova stagione. Si attendono ancora i primi passi ufficiali della dirigenza biancoverde, come quelli di altre società, in una fase in cui alcune realtà dovranno chiarire il proprio futuro tecnico, ma anche economico. Un esempio è la Virtus Roma (leggi qui).  Se, da una parte, c’è una dirigenza al lavoro prima per le firme di un coach e di un potenziale team manager, per poi dedicarsi al mercato giocatori, dall’altra c’è tutto il roster irpino della stagione 2014/2015 che, nei prossimi mesi, scoprirà anch'esso il proprio futuro. Gran parte della squadra e dello staff tecnico, compreso l’ultimo coach della Scandone, Fabrizio Frates, hanno avuto l’ultimo contatto con i colori biancoverdi in occasione dell’evento di Piazza Irpinia, all’interno dell’Expo di Milano 2015, l’11 maggio scorso (leggi qui), all'indomani dell’ultima gara di regular season, vinta a Masnago contro la Openjobmetis Varese. Fu il classico "rompete le righe" che è suonato e suonerà, quasi sicuramente, come un addio per quasi la totalità del team 2014/2015. Quella passata è stata una stagione decisamente sottotono e difficilmente la dirigenza irpina deciderà di rinnovare contratti dei giocatori che hanno vestito la canotta biancoverde nell’ultimo torneo di Serie A e tornati nei rispettivi paesi di origine o nelle proprie città, appena è terminato il campionato. I social network danno modo ad addetti ai lavori e semplici appassionati di “controllare” gli atleti e allora vediamo “che fine hanno fatto”. Oderah Anosike, dopo un viaggio in Italia con tappe a Milano, Napoli, Capri, Torino e Venezia, ha fatto rientro ad Albany, nello Stato di New York. Come la scorsa estate, il centro - che pochi giorni fa ha lanciato il proprio sito ufficiale - sarà presente alle attività estive del Siena Saints, college da cui è uscito nel 2013. Nei giorni scorsi, Anosike ha aperto ad un possibile rinnovo e lo stesso è stato per Marques Green (anche il playmaker è negli States), ma in tema di conferme dipenderà tantissimo dalle scelte del nuovo tecnico. Proseguendo il tour USA, Adrian Banks è nella natia Memphis e risulta tra i più attivi sui social network, in particolare Twitter, come accaduto durante la stagione.  Sundiata Gaines, invece, parteciperà ad un torneo estivo, denominato “The Basketball Tournament” a cui prenderanno diversi giocatori in orbita NBA, presente e passata. Justin Harper sarà in campo a luglio per la Summer League NBA di Orlando, mentre Junior Cadougan è attivo con un workout con la maglia di Marquette, l'università da cui è uscito. Periodo di vacanza, invece, per Marc Trasolini che, dopo essere tornato a Vancouver, è ora in Austria, in viaggio tra Vienna e Salisburgo. Per quanto riguarda il plotoncino italiano, per Daniele Cavaliero ci sono rumors di un possibile ritorno alla Fortitudo Bologna, appena tornata in Serie A2. Unico attivo per gare ufficiali, oltre l'11 maggio è stato, invece, Adam Hanga. Rientrato per fine prestito al Laboral Kutxa Vitoria, l'ala ungherese è stato protagonista con il Baskonia nel finale di campionato spagnolo. Hanga ha disputato due gare di regular season e i play off, conclusi dal Laboral ai quarti play off contro l'Unicaja Malaga e si sta godendo ora un meritato riposo. Carmine Quaglia



Sannioportale.it