• MARTEDÌ 20 APRILE 2021 - S. Agnese da Montepulciano

Ripescaggi in B: venerdì si riunisce il Consiglio Federale

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Un'estate caldissima. Una delle più calde degli ultimi quindici anni al pari dell'estate del 2003 che portò al blocco delle retrocessioni e alla Serie B a 24 squadre (anche in quel caso di mezzo c'era il Catania) e a quella del 2006 con lo scandalo Calciopoli. Tra il fallimento del Parma, l'inchiesta "Dirty Soccer" che vede coinvolto il Teramo e quella "I treni del gol" che ha travolto il Catania in primis e altre cinque società cadette, il campionato di Serie B si prepara ad una serie di stravolgimenti che sicuramente non aveva in cantiere.  Venerdì si riunirà il Consiglio Federale per comunicare i criteri per i ripescaggi che mai come quest'estate vede coinvolte un buon plotoncino di squadre. L'idea di una Serie B a venti club, sorprese a parte, resterà tale. Si procederà a ventidue società con almeno due, se non tre ripescaggi. I criteri terranno conto al 50% della classifica della scorsa stagione; al 25% del blasone del club e al 25% del bacino d'utenza.  Sogna il Brescia che potrebbe prendere il posto del Parma. Spera l'Ascoli in caso di esclusione del Teramo, mentre bisognerà aspettare per capire cosa accadrà al Catania e chi, eventualmente, prenderà il suo posto ai nastri di partenza. Tutti gli approfondimenti sui ripescaggi e il futuro del campionato di Serie B nell'edizione di domani mattina alle 7, di Ottopagine App, scaricabile gratuitamente da App Store. Carmine Roca  



Sannioportale.it