• LUNEDÌ 21 SETTEMBRE 2020 - S. Matteo apostolo

Referendum Malzoni, i dipendenti dicono no all'accordo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  I tre giorni di referendum consegnano una risposta precisa. I lavoratori dell' azienda non hanno accettato l' ipotesi di accordo che prevedeva la rinuncia di indennità mensile e la rinuncia del premio di produzione per ben sette anni. In cambio i 57 dipendenti della tempor sarebbero stati assunti parte time dal primo luglio al 31 dicembre e full time con contrattato a tempo indeterminato a partire dal primo gennaio 2016. Ma i dipendenti della Malzoni non ci stanno. Dicono no ai compromessi proposti. Non sono disposti a fare alcun sacrificio economico. «La loro scelta va rispettata - dice il segretario provinciale dell Uil sanità privata Stefano Caruso - fin quando si tratta di mettere le mani nelle tasche dei lavoratori è giusto che siano loro ad avere l' ultima parola. Noi non possiamo fare altro che prenderne atto e continuare ad interessarci della vicenda con massima professionalità e scrupolosità». Il referendum si è svolto nella massima trasparenza. Ecco i numeri della iniziativa consultativa: hanno votato 121 aventi diritto al voto su 146 con una percentuale dell' 82,88%. Ha vinto il no con 82 voti contro i 33 voti del si. Si sono contate quattro schede nulle e due bianche.   «Ora tocca all' azienda fare il passo successivo. Certo è che resteremo vigili e attenti alle mosse dell' azienda garantendo sempre la massima tutela ai nostri lavoratori. Non abbasseremo la guardia - conclude Stefano Caruso -  né distoglieremo l' attenzione alle esigenze dei nostri iscritti». Redazione



Macrolibrarsi
Sannioportale.it