• SABATO 19 SETTEMBRE 2020 - S. Gennaro vescovo

Real Avellino, Bartoli: "Un'emozione indescrivibile"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


E’ ancora grande la gioia di mister Paolo Bartoli che domenica scorsa ha festeggiato la prima promozione dopo due anni alla guida con il Real Avellino, squadra fondata proprio due stagioni fa. La compagine avellinese è approdata in Seconda Categoria superando il Santa Paolina, in virtù della migliore posizione in classifica, grazie a un pari ottenuto in inferiorità numerica fino al termine dei tempi supplementari. “Quella di domenica è stata un emozione indescrivibile. Sono contento di aver raggiunto questo successo insieme a un gruppo fantastico che lo ha meritato. Siamo una giovane società che ha solo due anni di vita e trovarci a festeggiare una vittoria è per noi motivo d’orgoglio. Avevamo come obiettivo iniziale di migliorarci rispetto all’anno scorso, poi mi sono reso conto osservando la squadra nei test amichevoli che abbiamo fatto contro squadre di categorie superiori che potevamo lottare per qualcosa di importante. Una volta raggiunti i play off non ci restava che vincerli e cosi’ è stato.” Ritornando alla gara con il Santa Paolina e all’espulsione di De Pace che poteva compromettere la gara il mister dichiara: “E’ vero, dopo quel momento mi sono passate tante cose per la testa perché ci poteva compromettere la gara. Fortunatamente l’arbitro ha fischiato la fine del primo tempo poco dopo e negli spogliatoi ho avuto modo di tranquillizzare la squadra che poteva risentire dell’inferiorità numerica. Siamo entrati in campo ancora più determinati e vorrei fare un plauso alla squadra  che nella fase difensiva ha dato il meglio possibile. La nostra fortuna è stata anche il rinvio di una settimana dei play off in cui abbiamo potuto recuperare qualche calciatori in più rispetto al finale di stagione in cui in alcune gare eravamo addirittura dodici-tredici a disposizione.” Per quanto riguarda il futuro: “La mia intenzione è di rimanere e in attesa di conseguire il patentino sarò affiancato e coadiuvato da un collega. Cercheremo di riconfermare tutti i calciatori di quest’anno e stiamo già lavorando per cinque arrivi.” Raffaele Buonavita



Macrolibrarsi
Sannioportale.it