• SABATO 26 SETTEMBRE 2020 - S. Damiano Martire

Quelle luci accese al 'Ciro Vigorito'

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Quelle luci accese allo stadio Vigorito hanno scatenato le fantasie di tanti sportivi. D'altro canto le voci inerenti i ripescaggi spesso sono incontrollabili e associare quei fari accesi ad un test per un tentativo di riammissione alla categoria superiore è stato tutt'uno. Ma purtroppo non è così. Le luci, in verità, sono state accese proprio per testarle in vista del prossimo campionato, perchè anche la Lega Pro prevede tra le varie incombenze quello di assolvere a tutti gli aspetti “strutturali ed organizzativi dei propri impianti sportivi, come la documentazione comprovante la proprietà dell'impianto o il contratto relativo all'impianto che si intende utilizzare, nonché il numero di posti a sedere per gli spettatori e i sistemi di illuminazione”. Insomma per questa ragione gli addetti allo stadio (ovviamente della società) che sono ancora operativi fino al 30 hanno provato l'illuminazione del Vigorito. Le prossime scadenze. Il primo step è quello di domani 25 giugno. Entro questa data i club dovranno depositare il prospetto P/A e la documentazione attestante il pagamento degli emolumenti dei tesserati e dipendenti e dei compensi dei tesserati.
Entro il 30 giugno, come è noto, dovranno invece presentare in Lega la tassa e domanda di iscrizione accompagnata dalla fideiussione e alla Co.Vi.So.C  utta la documentazione economico-fiscale della stagione appena conclusa, oltre al budget finanziario trimestrale per la stagione 2015-2016. Infine, per quanto riguarda i criteri sportivi-organizzativi, tutti gli adempimenti (impegni a partecipare a determinate competizioni/impegni, a tesserare o a presentare schede di determinate figure professionali) hanno scadenza 25 giugno. Qualora un club non risultasse in possesso, entro il 30 giugno, dei requisiti richiesti è previsto un ulteriore step che permette di presentare il ricorso direttamente alla Co.Vi.So.C entro il 14 luglio. In questo caso il termine fissato è perentorio e successivamente la decisione di concedere o meno la Licenza Nazionale verrà presa dal Consiglio Federale durante la riunione del 17 luglio.  



Macrolibrarsi
Sannioportale.it