• DOMENICA 24 GENNAIO 2021 - S. Feliciano vescovo

Quei cuori che battono forte ed una lezione da imparare

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Benevento.  I nostri cuori battono a Ponticelli, Pantano. A Paupisi, Solopaca, Ponte, Cautano. Nel Fortore e in tutti gli altri centri devastati dal nubifragio. Battono forte pensando ai drammi che quell'acqua si è lasciata alle spalle. C'è chi ha perso la vita, tantissimi la casa e l'attività commerciale. Per loro il futuro è nebuloso, gravido di dubbi. C'è poi chi un lavoro ce l'aveva ed ora teme di non rivederlo mai più perchè della sua azienda è rimasta solo la ragione sociale. Storie terribili, non bastano i grani del rosario che stringi tra le mani per pregare, se ci credi. Il dolore diventa contabilità che affastella una miriade di episodi. Numeri impietosi che non rendono appieno il disastro che quella notte ha provocato. Spazzando via certezze e progetti. Rendendo ancora più evidenti i guasti determinati dalle scelte umane. Il filo delle responsabilità, da stendere a ritroso nel tempo, sarebbe lunghissimo. Chiama in causa livelli politici ed amministrativi. E' un dato della ultima ora la natura alluvionale di determinate zone? Sono una novità le autorizzazioni a costruire in certe aree? E' storia, non cronaca. E proprio per questo, adesso, è del tutto inutile prendersela con il destino cinico e baro o inveire contro il cielo. Meglio riflettere sulla lezione subita e correre ai ripari. Mentre i cuori battono forte. Enzo Spiezia



Macrolibrarsi
Sannioportale.it