• MERCOLEDÌ 12 AGOSTO 2020 - S. Eusebio vescovo

Per gli ex Nocerina arrivano le squalifiche

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Per loro la squadra dell’Agro è stata croce e delizia. Tanti ex calciatori della Nocerina stanno per pagare a caro presso la gestione “border line” della società molossa tra il 2008 e il 2012. Ricorderete l’arresto del presidente Citarella, gli stipendi pagati in nero, le cosiddette “società cartiere” intestate a nullatenenti che sarebbero servite a produrre fatture false e quant’altro fosse necessario per creare fondi occulti con cui pagare anche i giocatori della Nocerina. Tutto partì da una denuncia di smarrimento di alcuni assegni presentata dal giocatore Roberto Magliocco, le conseguenti indagini della Guardia di Finanza portarono all’operazione denominata “Nuceria”. Molti di quei giocatori che percepirono soldi in nero hanno già patteggiato la pena nello scorso mese di aprile. Questo vuol dire che tra pochi giorni arriverà la squalifica prevista, secondo una consuetudine della Procura Federale di far scontare gran parte della squalifica nei mesi estivi. Il ritardo, a dire il vero, tiene in apprensione molti, quasi come se la procura volesse comunque che un periodo della squalifica coincidesse con il calcio giocato. Tra i giocatori in attesa c’è il portiere della Salernitana, Ghigo Gori, ex giallorosso, così come Maikol Negro e Alessandro Bruno del Pescara. Il portiere dovrebbe aver patteggiato una pena di tre mesi di stop, come Bruno, due mesi il salentino Negro. Ma la lista è lunga. E tra i giocatori più importanti c’è Gigi Castaldo, altro ex giallorosso, ora all’Avellino. L’attaccante biancoverde, che si è affidato all’avvocato Chiacchio, non ha ancora patteggiato per timore che la squalifica potesse arrivare prima dei play off. Ora però il rischio è di saltare le prime partite della prossima stagione. Un pericolo che corrono anche due pilastri del Matera, il difensore De Franco (per altro infortunato) e il centrocampista, Gaetano Iannini. Il capitano, che è in scadenza di contratto, ha rilasciato un’intervista nella quale afferma di temere di non ricevere alcuna offerta dalla sua squadra. Se davvero il Foggia dovesse soffiare ai lucani anche Coletti, Auteri sarebbe costretto a cambiare completamente il “motore” del suo nuovo Matera. A proposito del tecnico di Floridia, nella lista nera c’è anche lui: la squalifica in arrivo non lo risparmierà (si parla di sei mesi). Nel lungo elenco dei 75 giocatori deferiti ci sono anche Sacilotto del Lecce, Nigro del Messina, Plasmati, il segretario Iovino. Situazioni molto più lieve per il lamentino Filosa, per lo stabiese Ripa, per Vincenzo De Liguori che dovrebbero cavarsela con alcuni giorni di squalifica. Chi conosce già il periodo di stop da osservare è Cavallaro del Foggia. L’estroso esterno rossonero dovrà scontare cinque mesi. Tegole non di poco conto per tante squadre che puntano ancora sui talentuosi ex rossoneri. fras



Macrolibrarsi
Sannioportale.it