• LUNEDÌ 21 SETTEMBRE 2020 - S. Matteo apostolo

Parma, supermarket di svincolati. E c'è anche Ronaldo Vanin...

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Senza tanti giri di parole. Il Parma degli ultimi anni è il classico esempio di come non bisogna fare calcio. E il fallimento è la triste fine di una società che, negli anni novanta, partendo dalla Serie B seppe riempire la sua bacheca di trofei importanti e lanciare nel calcio che conta campioni del calibro di Asprilla, Buffon, Cannavaro e Thuram per dirne alcuni. Prima della normalità e del buoi più totale. L'epopea Ghirardi è finita tra l'imbarazzo generale, tra situazioni al limite del surreale e personaggi da dimenticare (dall'albanese Taci a Manenti). Tra società satelliti come il Nova Gorica in Slovenia e altre da "colonizzare" ogni anno con calciatori da spedire in prestito. L'intenzione di Ghirardi era giusta, le modalità totalmente sbagliate. Fallisce il Parma e una miriade di calciatori (230 circa, cifra spropositata) si ritroverà svincolata con tra le mani un cartellino e al proprio fianco procuratori che busseranno porte alla ricerca di un posto di lavoro per i loro assistiti. Spulciando l'ormai ex rosa del club ducale vengono fuori nomi di illustri sconosciuti, di calciatori a fine carriera, e tanti altri che difficilmente riusciranno a brillare in categorie importanti. Eppure per Ghirardi erano tutti da acquistare. Ottantatre di loro sarebbero dovuti rientrare alla base dai rispettivi prestiti. Ce n'è per tutti i gusti. Tra essi una vecchia conoscenza dei tifosi biancoverdi, quel Ronaldo Vanin che dieci anni fa regalò a Moretti la possibilità di realizzare il 2-0 contro il Napoli nella finale play off.  Ma tra gli svincolati ci sono anche calciatori che hanno già attirato le attenzioni di operatori di mercato. Dai portieri Iacobucci e Bajza ai difensori Prestia, Feddal, Gigli e Ferrari (entrambi di ritorno da Crotone). A centrocampo occhi su Misuraca, Rispoli, Ristovski, Andrea Rossi (che a gennaio rifiutò Avellino per trasferirsi al Pescara) e Giandonato. In attacco fanno gola Cerri, lo scorso anno al Lanciano e accostato anche all'Avellino, il bomber Lapadula che potrebbe finire al Pescara assieme a Camillo CianoGabionetta, protagonista a Salerno e Sprocati. Che le offerte abbiano inizio. Carmine Roca



Macrolibrarsi
Sannioportale.it