• GIOVEDÌ 21 GENNAIO 2021 - S. Agnese vergine

Panucci: "Noi poco brillanti. Io, offeso a fine gara..."

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Livorno - Certamente non felice per la prova del suo Livorno, Christian Panucci, tecnico degli amaranto, ha tirato le orecchie alla difesa amaranto, colpevole in occasione della rete di Trotta e sugli episodi che hanno determinato il risultato del match, soprattutto sul parapiglia che si è generato a fine gara. "Sono entrato in campo nel finale per stabilire la calma. Poi qualcuno dell'Avellino mi ha offeso e ho preferito andare via. Non ho voluto rispondere a certi calciatori che non hanno cultura". Sulla prestazione: "Inutile piangerci addosso. Avrò ripetuto cento volte alla squadra i movimenti da fare in fase difensiva. Poi uno contro quattro si decide di lasciare libero l'attaccante e di difendere la porta...". Sull'espulsione di Moscati: "Con un uomo in più dovevamo essere più brillanti e intelligenti. Quella di Moscati è stata una sciocchezza e senza l'espulsione avremmo potuto vincere la partita". Per leggere l'intervista completa scarica gratuitamente da Microsoft Store, App Store e Google Play la nuova app di Ottopagine: Campania Calcio. L'inviato a Livorno, Carmine Roca



Sannioportale.it