• VENERDÌ 5 MARZO 2021 - S. Foca martire

No alle trivellazioni, i tre quesiti ai parlamentari irpini

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Gesualdo.  Il Comitato civico di Gesualdo no trivellazioni petrolifere in Irpinia commenta la situazione delle ricerche petrolifere in Irpinia con un appello ai parlamentari irpini.  A quanto pare l’avvento di De Luca e delle sue parole su acqua e acquedotti non ha portato né rassicurazioni né soprattutto certezze. Si registrano, infatti, alzate di scudi, richieste di spiegazioni anche negli stessi ambienti politici della maggioranza oltre che proposte e prese di posizione. I temi ambientali in questa provincia incominciano a scottare perché tanti sono i nodi che stanno giungendo al pettine. Dalla gestione delle risorse idriche alla loro tutela, dai siti contaminati alle bonifiche che tardano a venire, appare evidente che la mancanza di un piano complessivo di rilancio e di tutela per questo territorio maltrattato risulta essere la prima lacuna da colmare e la più grande delle responsabilità politica a carico di chi ci governa. E questa incertezza, a dispetto delle rassicuranti parole, sta per diventare una vera e propria emergenza! Sullo sfondo, poi, c’è la questione Petrolio, che rappresenta lo spauracchio dell’inquinamento e della decrescita economica ma anche un decisivo banco di prova della credibilità di un’intera classe dirigente. Il Petrolio in Irpinia sarebbe la certificazione definitiva del fallimento di decenni di politiche, che per tutta evidenza, sono state approssimative e del tutto prive di alcuna lungimiranza e programmazione. Alla paura, si sa, si può rispondere solo col coraggio! Per questo sollecitiamo i parlamentari irpini a confrontarsi sulle emergenze unendosi in uno sforzo che porti ad azioni che siano realmente efficaci e coraggiose. A riguardo poniamo tre quesiti nella speranza di riscontrare impegno e promesse d’intervento. L’Irpinia è terra d’acqua con il bacino idrico più importante del Sud Italia. Il Petrolio e la sua industria potrebbero esporre ad un forte rischio la stessa potabilità delle acque. Quali sono i reali piani di salvaguardia e tutela delle sorgenti irpine? Con il passaggio di competenze dalla Regione Campania al Ministero dell’Ambiente, le decisioni finali sull’istruttoria per l’autorizzazione del Pozzo esplorativo Gesualdo-1 adesso toccano al Governo. Inoltre, ai sensi dell’art.38 c.1-bis dello Sblocca Italia, il Mise dovrà formulare un Piano delle Aree da destinare alla ricerca e sfruttamento degli idrocarburi. Quali iniziative e quali impegni si intendono assumere per verificare la situazione dei progetti di ricerca? Quali azioni si intendono mettere in campo per cercare di preservare dal rischio petrolio le importanti risorse naturali (Bacini idrici, aree naturalistiche, aree DOCG e DOP) che insistono nelle aree interne della Campania? Dopo decenni di cattive politiche di sviluppo caratterizzate da piani programmatici illogici e inconsistenti, l’avvio delle trivellazioni petrolifere e l’eventuale successivo utilizzo delle aree industriali della Valle Ufita e del Calore per le collegate attività di stoccaggio e smistamento del greggio,  potrebbe trasformare radicalmente la già fragile economia irpina. Quali sono i reali piani di gestione e quali sono le reali prospettive socio-economiche previste per le aree interne? L’Irpinia è destinata realmente a diventare zona d’interscambio commerciale tra Tirreno e Adriatico o è destinata ad essere assorbita nel grande progetto dell’Hub energetico italiano che pare debba interessare la Basilicata? Redazione



Macrolibrarsi
Sannioportale.it