• VENERDÌ 18 SETTEMBRE 2020 - S. Irene vergine

Musica sacra dei seicento tra Venezia e Napoli

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


San Lorenzello.  E' in programma sabato, alle 19.15 nella Chiesa di San Lorenzo martire a San Lorenzello il terzo appuntamento del festival di musica medievale, rinascimentale e barocca Il Trionfo del Tempo e del Disinganno, XXII edizione.
“Musica sacra del Seicento tra Venezia e Napoli” che saranno eseguite da: Paola Reccia soprano, Annamaria Natale contralto, Marco Viola tenore, Cappella Vocale e Strumentale "I Musici di Corte"
Pietro Di Lorenzo organo e direzione.
L'ingresso è libero. L'evento è realizzato con la collaborazione logistica e organizzativa dell'Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo martire "Nicola Vigliotti": il concerto sarà eseguito in omaggio a Santa Maria Cristina Brando, fondatrice della Congregazione delle Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato.

Dalla fine del 1400, Venezia fu la capitale indiscussa della stampa musicale ed una di quelle della polifonia sacra. Quando nel 1613 Monteverdi vi giunse come maestro di cappella nella basilica di San Marco, la sua rivoluzione nella musica datava già ad almeno un decenno prima: il cantare a solo e lo stile concertato (con gli strumenti e il basso continuo). La sua presenza in Venezia fu la spinta propulsiva che sostenne a livelli altissimi la produzione di tutti i suoi successori per quasi un secolo: Cavalli, Rovetta, Legrenzi, Ziani. Sicuramente, Napoli subì la rivoluzione della monodia accompagnata e del concertato come evento esterno ma i compositori locali (oggi pressoché sconosciuti e dimenticati: G.M. Sabino, Ansalone, Tricarico etc.) riuscirono a rielaborare forme e linguaggio con accenti di grande originalità e di eufonia ed esiti che costruirono l'humus per la grande fioritura riscontrata del Settecento. Tra le musiche in programma si segnala il responsorio "Ne recorderis" di Giovanni Salvatore, nativo di Castelvenere (inizi sec. XVII).

Il concerto sarà preceduto dalla consueta visita guidata che illustrerà le notevoli memorie storiche ed artistiche della chiesa di San Lorenzo, sorta tra il 1562 e il 1582 come chiesa del convento del Carmine.

"Il Trionfo del Tempo e del Disinganno" è promosso dall'Associazione Culturale "Ave Gratia Plena" e dall'Associazione Culturale "Francesco Durante" in collaborazione con Comuni e Associazioni delle province di Latina, Caserta, Benevento e Matera, e proseguirà con un fitto programma di eventi fino al 31 Ottobre.   Redazione



Sannioportale.it