• DOMENICA 29 NOVEMBRE 2020 - S. Saturnino martire

Marino è contrariato. Ligi: "Il mio addio? Nessun rimpianto"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Vicenza - Palesemente insoddisfatto e contrariato per l'arbitraggio di Gianluca Aureliano, il tecnico del Vicenza, Pasquale Marino, si presenta i microfoni di Otto Channel scuro in volto: “E’ stata una partita equilibriata. L’Avellino si è proposto con qualità, ma la partita è stata giocata a viso aperto da entrambe le squadre. Abbiamo cercato di superarci a vicenda per inseguire obiettivi diversi in campionato: noi la salvezza, loro i play-off. La mia espulsione? Non vorrei parlare di arbitri. Non ho condiviso una chiamata del direttore, ma abbiamo già chiarito tutto". Tra i migliori in campo tra le fila dei biancorossi l'ex di turno Alessandro Ligi: “Sono felice di aver rivisto i miei ex compagni di squadra. Al di fuori del campo ho conservato un ottimo rapporto con tutti, ho un bel ricordo. La società ha scelto di cambiare, ma non ho nessun rimpianto in merito perché ho sempre cercato di dare il meglio e mi ero ritagliato uno spazio importante prima dell'infortunio che mi è occorso a Crotone”. L’Avellino visto da avversario: “E’ una squadra che fa della fisicità il suo migliore aspetto, ma possiede anche carattere e qualità. Sapevamo che avrebbero potuto crearci problemi". Redazione Sport



Macrolibrarsi
Sannioportale.it