• SABATO 31 OTTOBRE 2020 - S. Antonino Vescovo

Lesbiche e gay mi evitavano. Facevano i preti o erano sposati

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  “Quello che mi ha spinto ad essere in piazza a Firenze è la voglia di giustizia. La stessa che 30 anni fa mi ha fatto creare il primo gruppo gay ad Avellino. E' passato il tempo della richiesta d'accettazione. Tutti sappiamo che oltre Ventimiglia ci si può sposare anche tra persone dello stesso sesso. Ho sempre pensato che la vita è troppo breve per nascondersi. Avevo davanti a me il terrificante esempio di centinaia di gay e lesbiche avellinesi che non solo si nascondevano, ma che si erano sposati o diventati preti e mi evitavano come la peste perché aveva paura di essere scoperti. Non era quella la vita che volevo. E non la scelsi". Racconta Saverio Pepe, storico attivista campano. Intervista completa su App News. Questo articolo è stato approfondito sull'app: Ottopagine News Clicca qui per scaricare l'app



Sannioportale.it