• MERCOLEDÌ 6 LUGLIO 2022 - S. Maria Goretti vergine e martire

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



L'eleganza del jazz di Deb e Rose sul palco de "I Senzatempo"

Avellino.  Sabato 30 gennaio alle 20.30, presso l'Hotel de la Ville, va di scena l'eleganza del jazz. Reduce dal grande successo del Blue Note di Milano arriva a  "I Senzatempo" di Avellino il duo Deb e Rose, con il progetto Juke Box sentimentale. Deborah Falanga (voce) e Rosella Cazzaniga (chitarra/contrabbasso), artiste con percorsi artisti solidi alle spalle hanno recentemente pensato di accettare la scommessa del percorso del duo jazz al femminile. Ed è  da qui che nasce il cd, Juke Box Sentimentale,  che prende il titolo dal brano di Piero Umiliani che è poi quello di apertura di  questo particolare racconto musicale. Il duo nella scelta dei brani musicali si è spinto verso un recupero ed una ricerca meticolosa di veri e propri gioielli musicali, brani d’autore, abbandonati in qualche modo per mancanza di cura o per una sorta di distrazione tipicamente Italiana. Creazioni – tutt’altro che minori – di alcuni tra imigliori artigiani della musica nostrana, che riacquistano, anche grazie agli arrangiamenti ideati da Deb & Rose, vitalità e freschezza. Ad esempio, il brano che da il titolo all’album è la riproposizione del tema d’amore del film I Soliti Ignoti. Sarà poi, immediatamente riconoscibile Metti una sera a cena  che è il brano più noto della colonna sonora dell’omonimo film di Giuseppe Patroni Griffi del 1969, composto da Ennio Morricone, nata solo strumentale ed a cui solo successivamente viene aggiunto il testo. Deb & Rose mostreranno come la musica non sia mai nulla di definitivo e statico, come  tutto sia mutevole, e soprattutto, come un nuovo arrangiamento, una nuova ispirazione possa rendere contemporaneo un brano, come possano renderlo “diverso” per gli occhi ed il cuore di chi ascolta . Complici ed  intense,  con uno straordinario  feeling,  ci comunicano un connubio perfetto tra la voce e lo strumento, con una voce diviene essa stessa strumento. Il 30 gennaio 2016 insieme a I Senzatempo ci accompagneranno in  un viaggio a ritroso nel tempo; nel passato della nostra vita e cultura musicale che è anche ponte verso il futuro attraverso un presente costruito con il nostro impegno e la nostra abnegazione.  Redazione
Testi ed immagini Copyright Ottopagine.it



Sannioportale.it