• VENERDÌ 5 MARZO 2021 - S. Foca martire

Le curiosità di Tim Cup: cosa accomuna Cruciani e Del Pinto?

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Benevento.  Cos' hanno in comune Cruciani, Del Pinto e Padella? Quanti giallorossi attualmente in organico superarono lo scoglio del primo turno lo scorso anno? Chi è l'unico superstite dell'ultima vittoria giallorossa con una squadra toscana al primo turno? Questo calciatore riuscì anche ad andare a segno in quell'occasione? E poi Ghigo Gori, assente di lusso col Tuttocuoio: perchè il portiere non scese in campo anche quella sera? Proviamo a soddisfare tutte le curiosità del caso.  Mattatori - Un gol nei tempi supplemetari per mettere al tappeto l'Altovicentino. Servì un acuto di Lorenzo del Pinto lo scorso anno all'Aquila per avere la meglio sulla compagine dilettantistica nel primo turno. I novanta minuti regolamentari erano terminati sull'1-1, poi ci pensò lui a mettere le cose a posto: rubò palla a centrocampo e concluse dal limite regalando ai suoi il secondo turno da giocare (e vincere) al Dall'Ara di Bologna con il medesimo risultato. Il centrocampista centrale non è però l'unico match winner dello scorso primo tunro di Tim Cup. Anche Michel Cruciani fu decisivo nella sfida tra Reggina e Casertana siglando il gol del definitivo 1-0 che concesse ai rossoblu il pass per affrontare e superare il Crotone ai rigori allo Scida nel secondo atto. Tra i bomber del primo turno del 2014 figura infine Emanuele Padella, a segno contro la Correggese al Vigorito per il 2-0 conclusivo, dopo che la strega aveva sbloccato la partita nella ripresa con Doninelli, passato poche ore fa al Modena.  Tutti promossi - Nell'attuale organico del Benevento c'è solo un calciatore che lo scorso anno è stato costretto ad arrendersi al primo turno. Si tratta di Ghigo Gori, che comunque sarà squalificato e non potrà prendere parte alla sfida con il Tuttocuoio. Il portiere come noto militava nella Salernitana, sconfitta al primo turno dall'Alessandria. Per il resto, tutti promossi: dai reduci sanniti dello scorso campionato ai vari Bianco, Marano, Del Pinto, Cruciani Mattera e Cissé. Gli ex materani Mazzarani e Mucciante non presero parte alla Tim Cup in quanto il Matera non vi fu ammesso; Bonifazi militava nella Primavera del Torino e Mazzeo era ancora tesserato con il Perugia che partì dal secondo turno eliminatorio.  Hihghlander Campagnacci - Non si sa ancora se giocherà dal primo minuto perchè Auteri si guarda bene dallo scoprire le carte, ma Alessio Campagnacci è l'unico superstite dell'ultimo trionfo giallorosso contro una squadra toscana in Tim Cup, quel Pontedera che vanta anche qualche similitudine con il Tuttocuoio, visto che le due squadre condividono lo stesso impianto di gioco (il Mannucci di Pontedera, appunto). Campagnacci nel 4-0 ai danni del team di Indiani andò anche a segno, e chissà che non possa portare bene considerando che nell'estate 2013 il Benevento riuscì addirittura ad arrivare al terzo turno superando il Lanciano a domicilio e sfidando la Sampdoria al Ferraris.  Gori e le squalifiche - La gara con il Pontedera menzionata qualche rigo più su inizialmente avrebbe dovuto vedere protagonisti anche Gori e Piscitelli, ma entrambi i portieri diedero forfait. Ghigo era squalificato anche all'epoca (ma solo per un turno)  mentre Piscitelli si infortunò nel riscaldamento lasciando il posto al terzo portiere Zummo. L'estremo difensore di Vimercate è libero di fare gli scongiuri, ma con gli acchiacchi ha già saldato più conti del dovuto (innumerevoli e disgraziati quelli dello scorso anno). Adesso Ricky è pronto a dire la sua. Buona fortuna a lui.    Francesco Carluccio



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it