• MARTEDÌ 26 GENNAIO 2021 - S. Paola vedova

L'Amdos: no alla chiusura del reparto oncologico

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  «A nome delle donne dell’Amdos che hanno sostenuto il miglioramento della politica sanitaria in questa Regione, faccio appello a che la chiusura del reparto di Oncologia dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” venga revocata nell’immediato con tutte le modalità che la legge offre: convenzioni, straordinario, borsisti, intramoenia. L’importanza del Reparto di Oncologia, diretto dal professore Gridelli, riconosciuto a livello internazionale, per le donne operate al seno ed anche per tutti gli ammalati oncologici affidati alla struttura del Moscati non consente alcun fermo dell’attività, per la gravità delle patologie, per il numero di ammalati trattati, per l’eccellenza raggiunta nel Reparto e non ultima per la soddisfazione della qualità della cura del paziente». Così la presidente dell'Amdos, dottoressa Silvana Ianuario.  «Naturalmente, sarà necessario un intervento che vada al di là del momento contingente, attraverso l’attivazione di procedure concorsuali affinché il patrimonio culturale e scientifico dei medici e del personale tutto che oggi lavora nel reparto possa continuare a donare agli ammalati la stessa qualità di prestazioni assicurate finora. La carenza di personale che sta emergendo acutamente nel periodo di ferie non può diventare un fatto ordinario e provocare nel malato la rassegnazione al peggio. Il malato oncologico non può essere abbandonato a se stesso. Abbiamo lottato per avere una Breast Unit completa con la diagnostica, l’oncologia, la radioterapia, la psiconcologia, ed ora vedere l’implosione di tante conquiste ci fa sentire indifese e deboli. Oggi ci rivolgiamo con fiducia al Presidente della Giunta Regionale, Vincenzo De Luca, al Presidente del consiglio Regionale,  Rosetta D’Amelio, donna da sempre vicina alla donne, al Consigliere On.le Carlo Iannace che più di tutti è da sempre in prima linea nella prevenzione del tumore al seno, affinché vi sia prontamente la risoluzione del problema. 



Sannioportale.it