• LUNEDÌ 6 LUGLIO 2020 - S. Maria Goretti vergine e martire

La Regione fa strage di eventi: Festa del Grano senza fondi

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Benevento.   La Festa del Grano di Foglianise, l'Infiorata di Cusano Mutri, la pluridecennale sagra del cecatiello a Paupisi, e molte altre manifestazioni. Tutte ugualmente giudicate non meritevoli di ricevere un finanziamento da parte della Regione Campania. Il verdetto arriva dalla determina dirigenziale numero 30 varata venerdì scorso dal dipartimento Programmazione economica dell'ente campano e pubblicata oggi sul Bollettino ufficiale. Un provvedimento che solleverà con molta probabilità un vespaio di polemiche in tutta la regione, sia per l'elevato numero di bocciature (soltanto 31 gli eventi ammessi a finanziamento) sia per la particolare fase nella quale è arrivata la decisione con Palazzo Santa Lucia notoriamente privo di guida politica. Ma veniamo al dettaglio partendo dalle (poche) note positive. Nel ristretto novero delle manifestazioni promosse nell'ambito della “Selezione di iniziative turistiche di rilevanza nazionale e internazionale” figura la tradizionale kermesse beneventana “Città Spettacolo” che ottiene un finanziamento da 250.000 euro (massimo stanziato) per l'edizione 2015. La storica rassegna di teatro e spettacoli è l'unica nel Sannio ad avere un sostegno dalla Regione insieme all'evento pietrelcinese “Una Voce per Padre Pio” cui è stato assegnato il medesimo budget (250.00 euro). Tutte bocciate di fatto le altre proposte presentate dai comuni beneventani in quanto collocate nella graduatoria di merito in posizione non utile all'ottenimento delle risorse. Il lunghissimo elenco è aperto da Solopaca che non riesce per poco a proiettare “Divinolio” tra le manifestazioni destinatarie di sussidio. La lista degli esclusi annovera quindi, in ordine decrescente di punteggio, Cusano Mutri (Festa dell'Infiorata), Telese (Viaggiando si incontra), Casalduni (Castrum Casaldonis Eventum), Airola (Suoni e Migranti festival), Colle Sannita (Multithematique), San Marco dei Cavoti (Arte – Storia – Sapori – Tradizioni). Segue un nome illustrissimo nel panorama degli eventi spettacolari della provincia, capace di attirare attenzioni anche oltre i confini nazionali: la Festa del Grano di Foglianise bocciata dalla commissione di valutazione regionale con il misero punteggio di 32,7. E ancora: Ceppaloni (Paese che vai, usanza che trovi), Frasso Telesino (Terravecchia), Paupisi (Sagra del cecatiello), Faicchio (Alla riscoperta delle Forche caudine), Calvi (Calvincanto), Tocco Caudio (Terre in moto), Morcone (La Via dei santi e dei cento presepi), Pesco Sannita (Saperi e sapori del Sannio per l'Expo), Bonea (Bonea Art), Apice (Apice Street festival), San Bartolomeo in Galdo (Vivere il Fortore). Paolo Bocchino  



Sannioportale.it