• GIOVEDÌ 3 DICEMBRE 2020 - S. Francesco Saverio

"Il sindaco Foti tratta l'Eliseo come un bordello"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  «Il nostro obiettivo è stato sempre quello di mantenere aperto e pubblico il dibattito su quello che sarà il destino dell’ex cinema Eliseo, nonostante dalle istituzioni si continui a tenere tale dibattito chiuso e lontano dalle “stanze del potere”.A chiamare due o tre persone con cui discutere della faccenda. Anche perché allo stato attuale, nonostante proclami e “provocazioni”varie, il sindaco Paolo Foti - dopo aver pubblicato un listino per la gestione dell’Eliseo che sembrava un listino prezzi degno di un “bordello” –non possiede una vera e propria proposta. Si dice che anche al Comune vogliono la fondazione di partecipazione, ma ciò che si percepisce è che questa fondazione potrebbe essere emendata di tutti gli elementi di partecipazione. Quindi, di fatto,  tale fondazione rischia di diventare un circolo chiuso di pochi eletti, come al solito, che gestiscono un bene che – si era detto – doveva essere “comune”. Quindi, noi siamo qui a discutere: affinché quel bene continui ad essere "comune" e che le parole sulla fondazione di partecipazione diventino realtà. A differenza dell’amministrazione comunale, noi abbiamo una bozza di statuto e di modello di gestione. Dicono che c’è fretta? Allora, si lavori sulle cose che ci sono...» così Anna Coluccino, del comitato Luce sull’Eliseo, spiega il motivo dell’assemblea che si è tenuta ieri pomeriggio presso la sede del Forum dei Giovani di Avellino. Per leggere l'articolo completo scarica gratuitamente la nuova app Ottopagine New (per Android e Apple). Marina Brancato



Macrolibrarsi
Sannioportale.it