• SABATO 19 SETTEMBRE 2020 - S. Gennaro vescovo

Il fattore campo? Conta e come in Serie B, ma nei play off...

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avere i tifosi dalla propria parte, si sa, è sempre un vantaggio. Mai come in questa stagione questa affermazione è confermata dai numeri: nella Serie B 2014/15 infatti sono ben 206 i successi casalinghi a fronte di 98 vittorie esterne, segno tangibile di come giocare fra le mura amiche significhi avere un grosso vantaggio in termini di risultati.  La squadra ad averne giovato maggiormente è il Frosinone che proprio in casa ha costruito la sua prima storica promozione in Serie A. I ciociari hanno infatti ottenuto al Matusa ben 14 vittorie e sono usciti sconfitti solo una volta, contro la Ternana il 5 dicembre scorso. Curiosità vuole che proprio gli umbri siano i stati i peggiori in questa speciale graduatoria praticamente per tutto il campionato salvo poi sfruttare l'ultima vittoria interna contro il già retrocesso Varese per evitare questo sfortunato primato. Spesso e volentieri infatti il Liberati si è rivelato un vero tabù per i rossoverdi ma alla fine peggio degli uomini di Tesser ha fatto il Cittadella di Foscarini che ha perso 9 volte al Tombolato (1 volta in più della Ternana) ma ha vinto solo 5 gare abbandonando di fatto le speranze di salvezza nella gara contro il Perugia all'ultima giornata. Tornando nella parte alta di questa graduatoria, a completare il podio c'è il Trapani che ha raccolto solo 4 punti in meno del Frosinone mentre al terzo posto c'è la capolista Carpi che ha rallentato solo nelle ultime tre gare in cui ha collezionato 3 pareggi permettendo così il sorpasso al Frosinone per quanto riguarda il computo dei punti ottenuti in casa.  Se poi ci si sposta a considerare i risultati in trasferta troviamo in testa il Carpi di Castori che precede Bologna e Pescara. Proprio gli abruzzesi, con la loro capacità offensiva, si confermano il miglior attacco esterno grazie ai 39 gol fatti. Peggiori in questa statistica sono invece Trapani e Varese, rispettivamente la squadra che ha collezionato il minor numero di punti e che ha realizzato il minor numero di gol. Ma se per i siciliani è andata bene comunque grazie ai risultati ottenuti al Provinciale, lo stesso non si può dire per i lombardi che hanno dovuto abbandonare la categoria. C'è poi da considerare il numero di pareggi verificatisi nella stagione corrente, 158, con netta prevalenza del risultato di 1-1, verificatosi 74 volte. Per 58 volte invece le partite si sono concluse a reti inviolate ovvero solo il 12,5% delle volte. Ci sono poi 21 2-2 mentre il pareggio con 6 reti si è verificato in 5 circostanze. A proposito di risultati precisi, facendo un passo indietro si può notare che quello più ricorrente è l'1-0 mentre in ben 5 occasioni sono state realizzate 7 reti. Sia in occasione di successi in casa sia di quelli in trasferta, rispettivamente, 1-0 e 2-1 sono i risultati più frequenti mentre la vittoria col maggiore scarto è quella del Livorno sul Trapani del 12 ottobre dello scorso anno. Se però il segno 1 è quello che si è verificato maggiormente nella stagione regolare, lo stesso non si può dire per quanto riguarda i Play Off 2015 Compass. Nel prolungamento della stagione infatti le vittorie esterne sono state maggiori rispetto a quelle interne anche se il segno x, contando anche i Play Out, è quello più ricorrente. Nel dettaglio, per 4 volte i tifosi di casa hanno visto i loro uomini perdere (1 volta in maniera indolore: Bologna-Avellino 2-3) mentre sono 5 i pareggi nel computo complessivo. L'unica vittoria casalinga è quella del Pescara contro il Vicenza nella semifinale d'andata. Valore in controtendenza che però conferma che il campionato di Serie B sia sempre e comunque equilibrato, interessante e mai dal pronostico scontato. (Fonte: Lega Serie B) Redazione Sport



Sannioportale.it