• MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2020 - S. Bonaventura vesc.

Fuorni, terapia antibiotica per un detenuto malato di tumore

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Salerno.  E' stata aperta un'inchiesta da parte della Procura, ed è stata istituita una commissione interna, disposta dall'Asl di Salerno, per capire in che modo è tutelato il diritto all'assistenza sanitaria per i detenuti presenti all'interno del carcere di Fuorni. Tutto questo è partito dopo che Francesco Sorrentino, ex esponente della "Nuova Camorra Organizzata", malato di tumore è stato curato all'interno del carcere con una terapia antibiotica e non con un trattamento specifico. Tutto questo fino al ricovero d'urgenza all'ospedale Ruggi d'Aragona di Salerno, a causa di un'occlusione urinaria. Solo allora i medici hanno potuto accertare la reale patologia della quale era affetto il detenuto, diagnosticandogli un tumore alla vescica, ormai in fase avanzata.   Massimiliano Grimaldi



Sannioportale.it