• SABATO 26 SETTEMBRE 2020 - S. Damiano Martire

Basket: Finale Scudetto 2015, quando a vincere sono i tifosi

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Con la vittoria ottenuta ieri sera, la Grissin Bon Reggio Emilia ha strappato il 2-0 sul Banco di Sardegna Sassari nella Finale Scudetto 2015. Un atto conclusivo, sin ad ora, dominato dai biancorossi, guidati in campo dal trio Polonara-Lavrinovic-Kaukenas, ma ancora aperto: la serie si sposta sull'isola con la Dinamo di coach Sacchetti, spalle al muro, obbligata al successo casalingo in Gara 3 (in programma domani sera) e in Gara 4 (sabato) per pareggiare il conto. Ma oltre la sfida, corretta, tra i roster sul campo, è ammirevole lo spirito con cui si sta "giocando" anche la finale sugli spalti. Nelle prime due gare del confronto, al PalaBigi, è andato in scena un vero e proprio spettacolo di tifo. Reggiani e sassaresi hanno seguito i primi ottanta minuti della serie con chiaro senso di appartenenza, ma connotato dai valori di rispetto e amicizia per l'avversario. Sono elementi auspicabili in qualunque match, presenti nella fattispecie per un gemellaggio nato negli scorsi anni, nei primi confronti diretti in Legadue, ma difficilmente riscontrabili nell'ambito sportivo quando la posta in palio è così alta. Il terzo tempo, avvenuto prima di Gara 1, è la conferma della genuinità con cui le due tifoserie stanno vivendo un momento storico (sia per Reggio Emilia che per Sassari è la prima finale scudetto): un spot per la pallacanestro e per lo sport italiano. Un dato è certo: in questa finale, i tifosi hanno già vinto. Carmine Quaglia



Macrolibrarsi
Sannioportale.it