• GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2020 - S. Pacifico da S. Severino

Avellino, intrigo Migliaccio. E il Cagliari prova lo sgambetto

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Si è intricata la matassa Giulio Migliaccio. Nelle ultime ore il centrocampista partenopeo in forza all'Atalanta fino al prossimo 30 giugno sembra essersi allontanato dall'Avellino. Se lunedì sera l'affare sembrava sul punto di potersi chiudere positivamente con una improvvisa accelerata della trattativa impressa dagli operatori di mercato biancoverdi, nel pomeriggio di oggi, complice soprattutto l'intervento deciso del Cagliari, le parti appaiono più lontane. L'Avellino ha presentato la sua offerta all'agente di Migliaccio, Francesco Caliandro. Un biennale da circa 150 mila euro che il centrocampista, con un passato tra le file di Palermo e Fiorentina, aveva preso in considerazione. L'accordo sembrava essere stato raggiunto e si attendeva solo il ritorno in Italia (probabilmente domenica) del calciatore attualmente in vacanza all'estero. La trattativa ha ricevuto la prima frenata nella giornata di ieri. L'Atalanta avrebbe proposto a Migliaccio di rinnovare il contratto di un altro anno. La società bergamasca non avrebbe preso bene la decisione di Migliaccio di partire per le vacanze senza aver prima definito il suo futuro in maglia neroazzurra.  Nelle ultime ore, infine, è spuntato il Cagliari. Il club sardo secondo quanto riportato dal sito Gianlucadimarzio.com, avrebbe incontrato nel pomeriggio l'entourage del calciatore che ha permesso di superare la concorrenza dell'Avellino. A questo punto, Giulio Migliaccio si trova in mezzo a tre fuochi e a tre offerte da vagliare. Probabile che la decisione finale possa arrivare nel giro di qualche giorno. Carmine Roca



Macrolibrarsi
Sannioportale.it